Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Antonino Schisano rieletto presidente del Co. re. Campania della F.M.I.


Antonino Schisano rieletto presidente del Co. re. Campania della F.M.I.
30/03/2009, 21:03

Antonino Schisano è stato rieletto presidente del comitato regionale campano della Fmi, al termine dell’assemblea che si è tenuta a Napoli. Antonino è nato a Sorrento il 19 febbraio del 1956, e a 14 anni era già in sella ad una Ducati Scrambler. La passione per l’Enduro poi prende il sopravvento, e nel 1975 ritira la prima tessera Fmi. Nella metà degli anni ottanta inizia l’attività di direttore di gara Enduro, e nel 2002 entra a far parte della commissione nazionale sicurezza stradale e tutela dei motociclisti. La stima dei moto club campani nei suoi confronti cresce con il passare degli anni, e nel 2007 è eletto per la prima volta presidente regionale. L’ultima assemblea elettiva è stata per Schisano un coro unanime di condivisione della sua guida, terminata con una brillante rielezione: “ Sono felice per il risultato raggiunto – afferma sorridente il presidente – accetto con gioia il compito che i club mi hanno incaricato di svolgere. Ricordo che la Campania vanta dodicimila motociclisti tesserati, centotrenta società, duecentocinquanta piloti, dodici impianti, con oltre cento manifestazioni annuali. In questi anni sono stati rilanciati i campionati regionali di Enduro, Gimkana moto d’epoca, Motoraid, con la nascita di tre trofei Sud, tra i quali spicca il Supermotard. Questi risultati sono il frutto dell’impegno e dell’entusiasmo di una forte squadra, composta da Massimo Gambini, Bruno Barbatelli, Guido Gargiulo, Valerio Greco, Clemente Marro, Salvatore Pascucci, Enzo Gnerre, Flaminio Capone, e Alfredo Di Costanzo. Senza dimenticare il gruppo dei direttori e commissari di gara, e dei moto club organizzatori. Per il prossimo futuro, ci occuperemo del settore minimoto, per far ripartire le relative attività, con il sogno di avere un domani un campione campano nel settore velocità”. In bocca al lupo presidente!

 

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©