Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Alcuni dipendenti annunciano l'imminente uscita del prodotto

Apple: a fine gennaio il rivoluzionario Tablet Mac?


Apple: a fine gennaio il rivoluzionario Tablet Mac?
24/12/2009, 18:12

Quando si parla di iper-tecnologie, si sa, non si riesce ad abituarsi ad un nuovo prodotto che, subito dopo, le case produttrici ne presentano un altro più bello, avanzato e quindi irresistibile per gli amanti del genere.
Per i tecno-dipendenti, a quanto sembra, la Apple potrebbe aver pronto un regalo di Natale leggerlmente posticipato. Secondo alcune indiscrezioni e la dichiarazione di un dipendente dell'azienda della "mela morsa" rilasciata direttamente al New York Times, sarebbe infatti oramai quasi fatta per il lacio del rivoluzionario Tablet Mac prodotto dall'azienda di Steve Jobs.
Dopo diversi tentativi già scartati a causa dell'autonomia troppo limitata, i tecnici che lavorano a Cupertino hanno evidentemente trovato la giusta combinazione per la nuova, rivoluzionaria tecno-diavoleria da proporre sul mercato. Sempre sencondo le voci non confermate, non ci sarebbe nemmeno da attendere troppo: il 26 gennaio prossimo la Apple dovrebbe infatti presentare il Tablet Mac a San Francisco.
Il Tablet sarà dotato di uno schermo LCD multi-touch da 7 pollici (ma c'è addirittura chi azzarda che ce ne sarà anche una da 10), di collegamento wi-fi e di accellerometro per permetterre allo schermo di cambiare automaticamente l'orientamento a seconda che il dispositivo si trovi in posizione verticale od orizzontale. Si potrà ascoltare musica; consultando album multimediali contenenti appunto mp3, immagini, video ecc...in ogni caso, dato che Jobs non ha ancora ufficialmente confermato nemmeno la programmazione aziendale di tale nuovo prodotto, tutte le funzioni più avanzate sono solo ipotizzabili.
Poco chiaro anche il prezzo e l'uscita prevista sul mercato italiano
. Per ora, agli appassionati, non resta che attendere; mordendo la "mela" poco per volta e sperando di poterla gustare per bene il prima possibile.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©