Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Indiscrezioni parlano di accordi con abc e cbs

Apple lancia la tv in streaming e sogna il Disney Channel


Apple lancia la tv in streaming e sogna il Disney Channel
22/12/2009, 19:12

La Apple ha fame, tanta fame. Dopo essere entrati nel settore dei videogame, della musica e dei film, i piani alti dell'azienda americana paiono infatti voler puntare ancora più in alto; garantendo ai propri utenti la possibilità di guardare la tv driblando in un sol colpo digitale, cavo e satellite. A dichiararlo sarebbe stata una fonte (che ha preferito rimanere anonima) che si è rivolta direttamente all'autorevole Wall Street Journal.
Secondo questa "gola profonda", i dialogo tra Steve Jobs e i due network televisivi Abc e Cbs, sarebbe solo ad uno stadio iniziale ma, già a livello embrionale, prometterebbe accordi rivolzionari. Le due famosissime reti tv, infatti, si sarebbero dimostrate molto interessate e disponibili a concludere l'affare con la piccola mela e, in particolare la Abc, potrebbe garantire un prodotto attualmente disponibile via cavo e molto ambito: il seguitissimo Disney Channel (oltre ad Abc Family). Anche il pacchetto offerto dall Cbs, però, è di tutto rispetto: telefilm e serie tv di grande successo sono infatti il pane quotidiano per gli utenti della nota emittente statunitense.
Tra le grandi aziende pronte ad instaurare un rapporto di network preferenziale si affaccerebbe però anche la News Corp di un certo Murdoch (con Fox, Cnn, Turner Broadcasting e Tnt). Tornando all'affare con la Disney, c'è più d'uno pronto a giurare che si farà. Se non altro perchè lo stesso Jobs si trova nel consiglio d'amministrazione della società fondata dal mitico Walt e, già in passato, il prestigioso marchio multinazionale aveva aperto alla Apple una corsia speciale; essendo tra i prirmi ad aver garantito su iTunes film e download a pagamento.
Non a caso, telefilm come "Grey's Anatomy" (Abc) "Gossip Girl" (CW Network) e "Ncis" (Cbs) risultano i più scaricati (e quindi visti) del 2009.
La scelta dell'azienda di Jobs risulta senza dubbio incredibilmente interessante dati i tumulti che da qui a breve vivrà il mercato delle tecnologie multimediali. Negli Usa, infatti, l'analogico è oramai totalmente declinato per far posto a web tv e digitale terrestre. Ad oggi, la maggior parte degli americani, ha un abbonamento via cavo ma, nei prossimi anni, la rivoluzione internettiana sarà senza precedenti. In tale clima di convulsione positiva la Apple potrebbe fare il passo giusto verso un'avventura mediatica nuova ma nemmeno poi troppo. Gli appassionati del frutto bianco avranno già la bava alla bocca e, c'è da starne sicuri, Jobs i suoi non li lasceranno a bocca asciutta.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©