Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Da oggi negli ospedali. Ma Cota pone il veto in Piemonte

Arriva in Italia la pillola Ru486


Arriva in Italia la pillola Ru486
01/04/2010, 10:04

ROMA - La pillola Ru486 arriva anche in Italia. Da questa mattina è in commercio anche nella penisola il farmaco per l'aborto. Sarà distribuita nel nostro paese dall'azienda produttrice francese Exelgyn, che ha delegato la Nordic Pharma Srl ad aprire gli ordini di vendita sulla base delle richieste degli ospedali italiani. La pillola, dal nome commerciale di Mifegyne, è in commercio da più di venti anni in 30 paesi nel mondo e, rileva la casa produttrice, è stata utilizzata da più di un milione e mezzo di pazienti.
Ma, nel giorno in cui l'Italia si mette al passo medico con gli altri Paesi, arrivano le poco convinte parole del sottosegretario alla Salute, Eugenia Roccella.
"L'aborto non è una vittoria. In questo Paese siamo riusciti a far diminuire costantemente gli aborti ormai da più di vent'anni tanto che l'Italia è in controtendenza rispetto a tutti i Paesi d'Europa. Questo farmaco non è un 'farmaco meraviglioso', ha molti effetti collaterali e secondo il Consiglio superiore di sanità va assunto con il ricovero: c'è la possibilità di scavalcare la legge 194, che è una buona legge e vogliamo che sia applicata interamente".
Opinioni non certo ottimistiche. Come quelle del neo presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, che ha bloccato il primo carico italiano di pillole Ru486. In Piemonte le aveva ordinate il presidente uscente, Mercedes Bresso, e sarebbe stata quella la prima Regione italiana a sperimentare la pillola.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©