Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Straziami, ma di baci saziami. Pure a distanza!

Arriva Kissenger, il maialino che riproduce a distanza i baci del nostro partner


Arriva Kissenger, il maialino che riproduce a distanza i baci del nostro partner
06/02/2012, 12:02

A chi non è mai capitato di vivere la struggente nostalgia di un amore a distanza? Il vuoto attanagliante che ci prende allo stomaco quando si sente forte il desiderio di qualcuno che non c’è è stato in parte colmato dai progressi della tecnologia: il telefono ci consente di sentire l’altra persona, il sistema umts poi, addirittura di vederla. Idem con patate per i sistemi di video chat. Ma il contatto fisico? Quello sembra essere ancora la fonte dei sospiri appassionati delle coppie innamorate ma malinconicamente disgiunte. Un desiderio forse puerile ma non così raro come si potrebbe credere, tanto che tra i ricercatori e gli scienziati, c’è chi si è posto il problema ed ha pensato ad una soluzione da proporre agli “amanti sconsolati”. Hooman Samani, un ricercatore del dipartimento di intelligenza artificiale dell’università di Singapore, ha sviluppato un incredibile macchina in grado di trasmettere tramite dei piccoli robot, baci a distanza in grado di emulare con estrema precisione la sensazione di un vero bacio. E allora, come diceva la canzone, straziami ma di baci saziami! Si chiama Kissenger, (il riferimento alla chat di Windows Messenger non è certamente casuale) ha la forma di un maialino in plastica ed è dotato di labbra ultrasensibili. Per funzionare occorre sistemare il dispositivo sulle scrivanie di entrambi i partner: quando uno dei due sarà sopraffatto dal desiderio di baciare l’altro, non dovrà fare altro che accostare le proprie labbra a quelle del robottino e dall’altra parte il destinatario potrà gioire dei movimenti labiali del partner grazie al collegamento remoto fra labbra. Del resto, già l’anno scorso, uno studente giapponese presentò al mondo i suoi studi per un meccanismo molto simile e in grado di muoversi in base ai movimenti della lingua del baciatore. Chissà, forse non è da escludere che i recenti mezzi di comunicazione digitale possano rendere più realistica ed “emozionante” l’esperienza: basta guardare lo schermo, cercare lo sguardo complice del nostro lui o della nostra lei, chiudere gli occhi e stampare un bel bacio sulla bocca del maialino!Messo a punto dalla Lovotics, il maialino Kissinger non rappresenterà forse una rivoluzione per chi naviga abitualmente nel cyber-spazio, ma di certo per il suo ideatore potrebbe essere un marchingegno attorno al quale far ruotare un consistente business. Intanto le immagini che stanno circolando in Rete possono suscitare al più un po’ di tenerezza, ma certo l’erotismo va a farsi benedire!Non sarebbe forse meglio accendere la propria fantasia, che è resterà sempre una risorsa inesauribile, dotazione naturale di ciascuno e soprattutto, a zero spese?




 

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©