Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Il nuovo rimedio: minori effetti collaterali e più efficacia

Asma: finalmente un farmaco più facile da assumere


Asma: finalmente un farmaco più facile da assumere
09/11/2010, 18:11

ROMA – In occasione di una conferenza stampa, il direttore della Clinica di Malattie dell’Apparato Respiratorio e Allergologia del’Università degli studi di Genova, Giorgio Walter Canonica, ha dichiarato che Asmanex rappresenterà un vero e proprio toccasana per gli asmatici, tanto da presentare minori effetti collaterali e maggiore facilità d'uso. La fastidiosa malattia infiammatoria cronica delle vie aeree, in aumento non solo tra i bambini, ma anche tra gli adulti e gli anziani, continua a colpire, ora nascondendosi persino dietro a un comune raffreddore allergico per poi sfociare in una vera e propria fame d’aria. Di recente, è stato scoperto, che sono le persone fra i 30 e i 40 anni (con probabile predisposizione genetica verso la malattia) a esserne maggiormente affette. Riuscire a districarsi tra famiglia e impegni di lavoro per loro non è facile, e spesso le normali medicine non sono assunte con regolarità. Intanto, un individuo su tre lamenta un rapporto problematico con l’asma, due terzi si svegliano durante la notte a causa della cattiva respirazione, mentre le convenzionali terapie vengono utilizzate solo 4 volte su 7. È proprio a tal riguardo è arrivato in Italia il mometasone furoato in un nuovo erogatore, che, grazie al sapore che permette al paziente di avere la certezza di aver assunto la dose, al contatore che rende possibile tenere sotto controllo la quantità di farmaco ancora a disposizione, e non richiedendo né il distanziatore né altri strumenti diversi da quelli già forniti nella confezione, consente di rispondere alla richiesta di comodità e semplicità d'uso. Il paziente deve solo svitare il tappo, inalare e riavvitare il tappo.
Esaminando gli studi del Global initiative for asthma, Isaya e il Rapporto Osmed si conclude che l'asma ha anche un forte impatto economico: nel 2009, tutti i farmaci dell'apparato respiratorio sono costati 1.759 milioni di euro, più della metà a carico del Servizio sanitario nazionale. Le componenti del costo medio annuale di un paziente adulto asmatico in Italia sono da imputare per il 39% alla perdita delle giornate di lavoro, per il 22% alla perdita di attività, per il 21% alla spesa per i farmaci, per l'8% all'ospedalizzazione, per l'8% agli esami e infine per il 2% alle visite in pronto soccorso. “La nuova veste di mometasone furoato, in monosomministrazione e con il nuovo erogatore – ha precisato il professor Canonica - costituisce una grande novità perchè si uniscono l'efficacia e la sicurezza, ormai comprovata, di questo steroide inalatorio, con una serie di strumenti ed accorgimenti che consentono maggiore aderenza alla terapia”.

Commenta Stampa
di Caterina Cannone
Riproduzione riservata ©