Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Audi City: il debutto del cyberstore metropolitano


Audi City: il debutto del cyberstore metropolitano
08/08/2012, 14:24

Audi inaugura un nuovo capitolo nel futuro del settore automotive: Audi City, uno store di nuova concezione. Il primo showroom è stato aperto a Londra, nelle vicinanze di Piccadilly Circus. Qui, in uno spazio raccolto, l'intera gamma di modelli del Marchio viene esposta in modo completamente digitale. Sfruttando in modo intelligente la superficie a disposizione, è così possibile garantire la presenza del Marchio dei quattro anelli nel centro di numerose metropoli. Entro il 2015 Audi aprirà più di 20 store in tutto il mondo, aggiudicandosi spazi espositivi in esclusive zone di richiamo internazionale. In futuro Audi City sarà dunque la vetrina ideale in cui presentare nuovi servizi di mobilità e futuri modelli a trazione elettrica.
“Audi City è l'unione perfetta di due mondi: presentazione digitale dei prodotti e contatto diretto con il Concessionario” ha commentato Peter Schwarzenbauer, Responsabile Vendite e Marketing AUDI AG. “Questo nuovo concetto di store ci permette di essere ancora più vicini ai nostri Clienti dal punto di vista geografico, ma anche e soprattutto nella qualità del rapporto che instauriamo con loro, perché Audi City lascia spazio a servizi realmente personalizzati e a un contatto sempre più diretto con l'acquirente”.
L'innovativo sistema digitale utilizzato consente alla Casa di esporre per la prima volta all'interno di un unico store l'intera gamma e tutti i dettagli relativi, quali colori carrozzeria, equipaggiamenti a richiesta e funzionalità aggiuntive, e di farli così conoscere al Cliente. In questo modo, i visitatori dello showroom potranno scegliere digitalmente tra più di centinaia di milioni di configurazioni possibili, riprodotte in modo realistico in scala 1:1 sulle pareti circostanti. Sarà inoltre possibile visualizzare singoli dettagli tecnici, quali catena cinematica, costruzione della carrozzeria o tecnologia LED, rendendo intuitiva la comprensione delle diverse innovazioni.
Con Audi City, la Casa di Ingolstadt fornisce la propria risposta al costante mutamento delle esigenze dei Clienti. “Oggi più che mai, le persone danno grande importanza al rapporto di fiducia diretto e personale che instaurano con il Brand della propria automobile, soprattutto considerato il numero crescente di prodotti e di informazioni disponibili”, spiega Schwarzenbauer. “Audi City regala un'esperienza indimenticabile del Marchio, direttamente nella vita reale dei nostri Clienti, ma indissolubilmente legata all’offerta on-line”.
Tutto ciò sarà garantito in particolare dal Customer Relationship Manager presente negli Audi City. Sarà una figura di riferimento centrale e sempre presente, in grado di soddisfare le richieste del Cliente, dal colloquio iniziale fino al post vendita e ai servizi aggiuntivi.
2
Nel contempo, ciascun Audi City sarà collegato a un Concessionario Audi, che fungerà da centro di competenza dove sarà disponibile una panoramica completa di tutti i servizi offerti dal Marchio.
Grazie all'approccio a misura di Cliente e all'offerta di servizi all'insegna della personalizzazione, Audi City rappresenta l'evoluzione del concetto di store. AUDI AG si occuperà della formazione mirata dei collaboratori per gli store metropolitani e offrirà supporto ai Concessionari nella selezione e nella formazione del personale. Il personale coinvolto, inoltre, avrà alle spalle un percorso di studi nel settore informatico, per poter illustrare con la massima competenza il mondo digitale di Audi City.
La posizione centrale nel contesto urbano rende Audi City molto più di un semplice centro di supporto alla vendita. Audi City diventerà un punto d'incontro per gli appassionati del Marchio dei quattro anelli. Gli store fungeranno anche da forum per dialogare su tematiche non direttamente collegate all'ambito strettamente automobilistico. Per esempio, dopo la chiusura giornaliera del negozio, potranno ospitare letture, tavole rotonde e mostre su argomenti quali lo sviluppo urbano e la mobilità oppure su arte, cultura e design.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©