Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Auto: il controllo periodico ci aiuta a tenerle in forma


Auto: il controllo periodico ci aiuta a tenerle in forma
25/03/2009, 05:03

 

 

Abbiamo più volte evidenziato che l’automobile è il mezzo di locomozione più diffuso. Essa viene utilizzata da molti utenti, quotidianamente, per gli spostamenti casa-lavoro, ma per alcune categorie di lavoratori (agenti di commercio, pendolari ecc.) rappresenta “la seconda casa”, in virtù di un utilizzo costante e continuo che li vede costretti a macinare anche diverse migliaia di chilometri ogni mese. A prescindere dall’utilizzo, l’automobile resta sempre un mezzo meccanico che pur reso quasi perfetto dalla tecnologia necessita sempre di “cure” e revisioni periodiche. Purtroppo, per mancanza di tempo o per superficialità anche quei pochi interventi previsti dagli intervalli di manutenzione vengono spesso disattesi, nonostante le moderne automobili prevedano il primo stop in officina anche a 20/30 mila chilometri. Siamo un popolo di corridori che si arresta solo all’ALT della Polizia o dei Carabinieri !!!. Scherzi a parte è necessario, periodicamente, far revisionare la propria automobile da un’officina specializzata (concessionaria, privato), sottoponendola ad un controllo generale, accurato, così come prescritto dal libretto d’uso e manutenzione. I classici controlli di routine riguardano, di solito, la sostituzione dell’olio motore e del relativo filtro, la pulizia o la sostituzione del filtro dell’aria, del filtro del gasolio, il controllo dei livelli (liquido refrigerante, olio freni, vaschetta tergi, idroguida ecc.) e della pressione di gonfiaggio dei pneumatici. Ma estendere la revisione anche ad organi meccanici come sterzo, freni, ammortizzatori contribuisce non solo a garantire lunga vita alla vettura ma soprattutto a conferire un comportamento stradale che rispecchi gli standard di sicurezza originari. Poche persone sanno che guidare un’auto con gli ammortizzatori scarichi compromette la sicurezza di marcia. Il loro compito è quello di filtrare le asperità della strada garantendo un buon confort di marcia agli occupanti del veicolo. L’utilizzo e l’usura generano un decadimento di questi organi che ad un certo punto, non riuscendo più a garantire un corretto contatto tra il pneumatico e la strada, provocano un saltellamento della ruota che pregiudica la direzionalità dell’auto, mettendone in crisi l’assetto. Gli stessi controlli dobbiamo riservarli allo sterzo. Ce ne sono di diversi tipi (elettrici, idraulici ecc.) e molto spesso riescono a “filtrare” una serie di problemi latenti. Ad esempio, se girando il volante a destra e a sinistra di pochi gradi ci accorgiamo di non provocare alcun movimento delle ruote, vuol dire che il gioco è eccessivo e quindi diventa necessario un controllo. Sarà capitato a tutti sentire il volante vibrare sotto le mani durante la guida. Ebbene, le cause possono essere tante, può dipendere da un cerchione ammaccato, da un problema alla sospensione o più semplicemente da pneumatici non equilibrati. La presenza di rumori rappresenta talvolta il preludio a problemi alle sospensioni o ai giunti della trasmissione. Una verifica di questi organi mette al riparo da ogni dubbio.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Un ultimo cenno ai freni, sono organi di vitale importanza e vanno mantenuti in perfetto stato attraverso revisioni periodiche delle pastiglie, la cui usura è controllabile anche attraverso un’apposita spia sul cruscotto.
L’allungamento degli spazi di frenata è uno dei primi sintomi di malessere dell’impianto frenante. Dunque, dedicare poche ore all’anno alla nostra auto per i controlli programmati è doveroso, sia per garantire nel tempo l’efficienza di tutti gli impianti che per tutelare la sicurezza degli occupanti.

Commenta Stampa
di Davide Montella
Riproduzione riservata ©