Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Area maltrattata da anni

Bacoli, residenti in protesta


Bacoli, residenti in protesta
14/06/2010, 11:06

Bacoli (NA). Degrado. Con questo termine si riassumono le condizioni caratterizzanti la zona che va dalla volta di Arco Felice vecchio fino al Fusaro, nei pressi del lago. E i residenti dell’area insorgono. Stanchi di non poter usufruire di un impianto di illuminazione adeguato, di strade sprovvisti di asfalto, di un canale fognario funzionale. E soprattutto di pulizia e decoro dato che le vie del fazzoletto di territorio sono sommerse di immondizia, raramente prelevata. “Non vogliamo accusare nessuno ma semplicemente evidenziare mancanze che da anni si presentano in questa area residenziale curata da nessuno. Non c’è una pensilina per ripararsi dalla pioggia per svariati chilometri. Noi cittadini, per esposto del Comune, siamo obbligati  a buttare la spazzatura alle sette di sera, ma mancando completamente l’illuminazione,  rischiamo di essere investiti. I marciapiedi sono stretti e lesionati, ricoperti di erbaccia e immondizia. Poi , non essendo costruiti a norma di legge, sono inaccessibili per i le persone disabili. Per le strade camminano i ratti. La raccolta differenziata è inesistente. Non esistono luoghi di ritrovo”- lamenta Antonio Bencivenga, portavoce del territorio, in amministrato attualmente, a seguito del commissariamento. “Il comune di Bacoli comprende, oltre alla zona di Fusaro e Cuma, anche Baia e Bacoli, ma nonostante ciò, e pur pagando le tasse, nei fatti, la nostra è una zona di confine, lasciata a se stessa. Nelle altre zone, oltre ad esserci un’illuminazione notturna efficiente,  sono state costruite piazzette, parchi; si possono fare passeggiate sul lungo mare e le strade sono abbellite da piante. Perché?” – chiosa il cittadino. E gli interrogativi sono inoltrati alle istituzioni.

Commenta Stampa
di Livia Carandente
Riproduzione riservata ©