Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Stilata la classifica europea

Balneabilità, Italia tra le migliori d'Europa


Balneabilità, Italia tra le migliori d'Europa
23/05/2012, 16:05

Bandiere blu su quasi tutte le coste europee. Secondo la relazione annuale sulle acque di balneazione dell'Agenzia europea dell'Ambiente (AEA), il 92,1% delle acque balneabili soddisfa gli standard minimi di qualità. L'indagine è stata condotta su 31 Paesi, tra appartenenti all'Unione e al territorio europeo ed ha riguardato mari, laghi e fiumi, compreso il Serpentine Lake di Londra, che ospiterà le diverse manifestazioni olimpiche, incluse la gara di nuoto di fondo e la sezione nuoto del triathlon. L'Italia, undicesima, con l'82,3%, si piazza ad un terzo della classifica, dopo Cipro, Malta, Croazia, Grecia, Germania, Romania Portogallo, Austria, Irlanda e Gran Bretagna. La relazione, che ha preso in esame 22.000 siti di balneazione, ha constatato che il 77,1% dispone di un'acqua di eccellente qualità, vale a dire conforme ai più rigorosi valori guida, con un miglioramento di 3,5 punti percentuali rispetto allo scorso anno. Circa il 93,1% delle acque di balneazione costiere è stato classificato come "sufficiente" o conforme a valori imperativi meno severi, pari a un incremento dell'1%. Meno del 2% delle acque di balneazione è risultato non conforme. Le zone di balneazione di Cipro, Croazia, Malta e Grecia sono state giudicate eccellenti, con oltre il 90% delle acque di balneazione rispondenti ai più rigorosi valori guida e il resto conforme ai valori imperativi. All'estremità opposta della scala, i Paesi Bassi, la Bulgaria, la Lettonia, il Lussemburgo e il Belgio sono contrassegnati da una percentuale relativamente bassa di siti conformi ai valori guida più rigorosi, in particolare per le acque interne. Secondo il commissario all'Ambiente Janez Potočnik, che si è detto soddisfatto dei risultati ottenuti dall'indagine, «la maggioranza dei cittadini europei ha a cuore i problemi della qualità dell'acqua e desidera maggiori informazioni a riguardo. Dobbiamo pertanto continuare a lavorare per garantire che le nostre acque siano di qualità adeguata per tutti gli usi legittimi, dalla balneazione alla potabilità, e che il sistema acquatico globale sia in buono stato.» La qualità delle acque balneabili europee è notevolmente migliorata a partire dal 1990. La percentuale delle acque che non rispetta le disposizioni della direttiva è scesa dal 9,2% delle zone di balneazione nel 1990 all'1,5% nel 2011. La percentuale delle zone di balneazione interne non conformi ai valori imperativi è diminuita, passando dall'11,9% nel 1990 al 2,4% nel 2011, ad oggi una delle percentuali più basse. Oltre l'80% dei siti di balneazione di Spagna, Italia e Portogallo vantano un'eccellente qualità dell'acqua. La relazione lancia però anche un allarme sulle acque interne, sono queste infatti a maggior rischio di inquinamento provocato da scarichi civili ed industriali, ed è su queste che si dovrà intervenire con maggiore efficacia per conformarsi alle norme stabilite nella direttiva sulle acque di balneazione del 2006 che deve essere attuata entro il dicembre 2014.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©