Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Non è per tutti: saranno prodotti solo 667 esemplari

Bici da guinnes: 100 km all’ora e un costo di 59.500 euro


Bici da guinnes: 100 km all’ora e un costo di 59.500 euro
01/04/2011, 15:04

Saranno consegnati a giorni i primi esemplari della bicicletta “dei primati”, la più veloce e la più cara del mondo. Lo ha annunciato la Pg-Bikes, azienda di Ratisbona specializzata in bici da competizione e di grande qualità. L’elettrica più fulminea del pianeta si chiama “Blacktrail”: può raggiungere e perfino superare i 100 chilometri all’ora. Ma non è per tutti. Già il costo di 59.500 euro non è un incentivo all’acquisto. Inoltre verrà prodotta in edizione limitata, 667 esemplari in tutto. La “Blacktrail” nasce da un’idea di Manu Ostner, capo della fabbrica tedesca: è stata realizzata in fibra di carbonio, titanio, magnesio e leghe di alluminio. Pesa 19,8 chili (mentre una bici normale arriva sui 14 kg) e ha un motore ibrido da 1,2 kw, potenza di 1,6 cavalli, alimentato con batterie al litio. Nonostante il marchio tedesco, il design è di Christian Zanzotti e al progetto hanno partecipato alcuni ingegneri della Ubc Engineering, casa produttrice che collabora coi team di Formula 1 per la realizzazione di speciali componenti in carbonio. L’autonomia del veicolo è di 200 Km, senza bisogno di ricarica (in soli 30 minuti comunque si può ricaricare all’80%). Fra le altre particolarità, le batterie che si attaccano a una presa di corrente normale; freni a disco ventilati; sistema di illuminazione a Led con luci anabbaglianti, luce posteriore e luce d’arresto. Su telaio, un apposito dispaly mostra lo stato della carica e la velocità raggiunta. Per poterla guidare sarà necessaria la patente per la moto, dato che si comporta più come una motocicletta, che come una due ruote. Gli acquirenti, tuttavia, non si sono lasciati scoraggiare nonostante il prezzo. Tra i primi a volersi assicurare questo esclusivo oggetto del desiderio, l’attore inglese Orlando Bloom, interprete della trilogia cinematografica “Pirati dei Caraibi”, testimonial della bici.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©