Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

BiodiversaMente: Il Festival dell'Ecoscienza


BiodiversaMente: Il Festival dell'Ecoscienza
20/10/2011, 15:10

Il 23 ottobre appuntamento con "Biodiversamente: il Festival dell'Ecoscienza", la non-stop di iniziative tra scienza e natura ideata dal WWF e dall'Associazione Nazionale Musei Scientifici, che aprirà gratuitamente musei scientifici, science center, orti botanici, acquari, parchi naturali e Oasi WWF in tutta Italia, per promuovere il valore della biodiversità e sostenere la ricerca scientifica "made in Italy", a rischio estinzione per la cronica mancanza di finanziamenti.
Per ulteriori informazioni: www.wwf.it.

Domenica 23 ottobre la Riserva Naturale – Oasi WWF "Cratere degli Astroni" aderisce all'iniziativa aprendo gratuitamente al pubblico e dedicando la giornata al mondo degli uccelli, molte specie dei quali in Europa sono a rischio di estinzione.
Agli Astroni sarà possibile vedere all'opera gli ornitologi dell'Associazione Ardea che mostreranno le tecniche di cattura temporanea e di inanellamento degli uccelli (bird ringing), una pratica scientifica indispensabile per acquisire le conoscenze su biologia, comportamento e abitudini degli uccelli, necessarie per la loro tutela.

Apertura della Riserva al pubblico: 9,30
Accoglienza dei visitatori e presentazione dell'iniziativa: l'importanza strategica per gli uccelli migratori degli Astroni, un ecosistema boschivo e lacustre, che offre loro la possibilità di sostare in tutta sicurezza per riposarsi e rifocillarsi, per poi riprendere il lungo viaggio di migrazione che li porterà nei territori di svernamento in Africa. Breve introduzione sull'attività di inanellamento che l’associazione Ardea svolgerà all’interno della Riserva.
Chiusura della Riserva alle 18,30.

Due visite guidate, alle 10,30 e alle 12,00, della durata di un'ora e mezza ciascuna. Percorso di visita: prima tappa all'osservatorio ornitologico, sulla sponda del Lago Grande, dove poter fare osservazioni con binocoli messi ed un cannocchiale a disposizione. Tappa successiva all'impianto di inanellamento gestito da ornitologi dell'Associazione Ardea.

Note: indispensabile calzare scarpe da escursione o da ginnastica. Il percorso di ingresso nella Riserva è un antico sentiero borbonico in terra battuta, lungo 350 m, con circa 150 scalini che, con un dislivello di 70 m, porta all'interno del bosco, sul fondo del cratere.
Lo stesso sentiero viene percorso all'uscita.
Per esigenze particolari si prega verificare le norme di fruizione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©