Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Chiesto un incontro urgente con ministro Prestigiacomo

Blitz di Greenpeace a Livorno contro il rigassificatore


Blitz di Greenpeace a Livorno contro il rigassificatore
16/03/2010, 20:03

LIVORNO – Attivisti di Greenpeace in azione contro il rigassificatore al largo di Livorno. Tre ambientalisti sono partiti dalla nave ammiraglia Rainbow Warrior e hanno raggiunto la nave Far Samson, che sta lavorando al rigassificatore offshore. Alcuni attivisti sono saliti sulla gru portando striscioni recanti le scritte “Fine del Santuario” e “Ministro salva il Santuario”, un chiaro riferimento al Santuario dei cetacei Pelagos. Nel frattempo, altri ambientalisti hanno scritto sulla fiancata della nave “Balene finite”. Una situazione che ha spinto Greenpeace a chiedere un incontro urgente con il ministro dell’Ambiente Prestigiacomo. “Ci hanno offerto un colloquio con il direttore generale, ma noi vogliamo parlare direttamente con il ministro - spiega Giorgia Monti, responsabile della campagna mare di Greenpeace -. Con lui abbiamo già parlato a settembre, ma nulla è cambiato, anzi sono cominciati i lavori per il rigassificatore offshore di Livorno/Pisa che sarà la prima Area marina industriale collocata proprio all’interno della zona tutelata dall’accordo sul Santuario”. E’ intervenuta poi la polizia, un solo attivista ha lasciato la nave dopo oltre dieci ore, i tre ambientalisti sono stati identificati. 

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©