Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

BMW Group ottiene un’importante commessa da Carbon Motors Corp. per la fornitura di motori diesel alle forze dell’ordine americane


BMW Group ottiene un’importante commessa da Carbon Motors Corp. per la fornitura di motori diesel alle forze dell’ordine americane
24/03/2010, 12:03

Il BMW Group ha ottenuto un’importante commessa da Carbon Motors Corp., produttore di veicoli destinati alle forze dell’ordine americane, per la fornitura di oltre 240.000 motori diesel. Ian Robertson, membro del Consiglio di Amministrazione di BMW AG, responsabile delle Vendite e del Marketing e William Santana Li, Presidente e CEO di Carbon Motors Corp. hanno firmato il contratto nel corso di una cerimonia tenutasi lunedì 22 marzo a Washington, D.C. L’accordo prevede la fornitura di motori a sei cilindri in linea diesel, completi di sistema di raffreddamento e scarico, oltre che di trasmissione automatica.



Questo il commento di Ian Robertson: “Abbiamo annunciato l’espansione dell’attività di vendita dei sistemi di propulsione nell’ambito del progetto aziendale “Strategy Number ONE”. L’accordo siglato con Carbon Motors segna un’importante tappa di questo percorso, a cui ne seguiranno molte altre.” Robertson ha poi aggiunto: “Siamo entusiasti di poter mettere la nostra esperienza nel campo dei motori al servizio di Carbon Motors Corp. In termini di consumi, emissioni e prestazioni i motori di BMW Group superano nettamente la concorrenza. In questo modo, nei prossimi anni contribuiremo a ridurre fino al 40% i consumi e le emissioni di CO2 di oltre 240.000 veicoli delle forze dell’ordine americane”.



Carbon Motors Corp. è stata fondata nel 2003 ed è il primo produttore mondiale di autoveicoli realizzati appositamente per le forze dell’ordine. “BMW Group è un partner molto valido che opera con grande successo negli Stati Uniti da oltre vent’anni”, ha commentato Li. “Il propulsore di BMW Group offre prestazioni, efficienza e un’eccellente dinamica, caratteristiche essenziali per soddisfare le esigenze critiche delle forze dell’ordine. Grazie alla loro efficienza, i motori diesel di BMW apporteranno un duplice vantaggio alla collettività: concorreranno alla tutela dell’ambiente e, grazie ai minori costi di esercizio della flotta, alleggeriranno le spese per i contribuenti”, ha affermato Li.



Maggiori prestazioni abbinate a un minore consumo e a emissioni ridotte: questo è il principio della tecnologia EfficientDynamics che è ormai lo standard degli oltre 1,6 milioni di vetture vendute dal 2007. Il miglioramento costante dei motori diesel rappresenta un altro elemento fondamentale di questo programma. Negli ultimi anni i motori diesel di BMW hanno dominato le rispettive categorie nel rinomato premio “International Engine of the Year Awards”. Nel 2009, il BMW Group ha venduto in tutto il mondo circa 498.000 motori diesel, pari al 39% delle vendite totali, l’equivalente di 1.286 milioni di unità. In Europa la maggior parte degli acquirenti di automobili BMW e MINI è passata al diesel nel 2009: il 63% degli oltre 761.000 veicoli forniti in Europa era equipaggiato con questo tipo di propulsore. Il diesel sta acquisendo un’importanza sempre maggiore anche negli Stati Uniti, dove da dicembre 2008 sono disponibili due modelli con motorizzazione diesel: la BMW X5 xDrive 35d e la berlina BMW 335d. Nel complesso, le vendite delle versioni diesel hanno rappresentato il 17% delle immatricolazioni del modello X5 nel 2009. Contestualmente, all’incirca una BMW X5 su tre venduta negli USA è equipaggiata con motore a sei cilindri in linea diesel. La BMW X5 è il modello diesel più venduto del segmento premium.



Lo sviluppo e la costruzione dei motori rappresentano una delle competenze chiave del BMW Group e sono insite nel DNA dell’azienda sin dalla sua fondazione nel 1916. Oggi il BMW Group può vantare una solida rete produttiva che conta 24 stabilimenti in 13 paesi, tra cui anche tre impianti per i motori a Steyr, in Austria; Monaco in Germania e Hams Hall nel Regno Unito.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©