Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

BMW Motorrad GoldBet SBK Team al WSBK di Motorland Aragón


BMW Motorrad GoldBet SBK Team al WSBK di Motorland Aragón
11/04/2013, 12:30

A circa sette settimane dall’inizio della stagione 2013 del FIM Superbike World Championship in Australia, dove il BMW Motorrad GoldBet SBK Team ha esordito con un podio, il campionato mondiale rientra in Europa per la seconda gara, che si terrá il prossimo weekend 12-14 Aprile sul circuito “Motorland Aragón” nel nord est della Spagna. Marco Melandri (ITA), pilota ufficiale del Team, nel week end di apertura di stagione, in Gara uno, è stato coinvolto, senza alcuna responsabilità, in un incidente. In Gara due ha conquistato il podio finendo la corsa in terza posizione. Al momento Marco è in quinta posizione nella Classifica Piloti con 16 punti. Il suo nuovo compagno di squadra Chaz Davies (GBR) alla sua “prima” in sella alla BMWS 1000 RR ha concluso Gara uno in quarta posizione, mentre in Gara due, dopo un incidente, ha terminato 17°. Chaz arriva alla seconda corsa della stagione decimo nella Classifica Piloti con 13 punti. BMW è seconda nella Classifica Costruttori con 29 punti. Il BMW Motorrad GoldBet SBK Team ha sfruttato il lungo break dopo la prima gara per completare i test. Il team a Marzo è stato a Jerez - in Spagna - per dei test e poi, di nuovo a Jerez, la scorsa settimana. La squadra ha lavorato quattro giorni per migliorare ulteriormente la RR. Nel primo test ha provato solo Chaz, mentre Marco stava recuperando dall’operazione alla spalla effettuata dopo la gara Australiana. Nel secondo test invece hanno provato entrambi. I due piloti hanno già corso ad Aragón: Marco lo scorso anno ha vinto una gara ed ha conquistato un secondo posto, oltre ad aver stabilito il giro più veloce in entrambe le gare. Chaz ha finito terzo, conquistando il primo podio in Superbike. La FIM Superstock 1000 Cup 2013 prende il via nel week end al “Motorland Aragón”. Il BMW Motorrad GoldBet STK Team schiererà il campione in carica Sylvain Barrier (FRA) che dovrá difendere il suo titolo e il nuovo compagno di squadra Greg Gildenhuys(RSA). Il Team per la prima volta schiererà al via la nuova BMW HP4.

Aragón vista dai piloti:
Marco Melandri: “Vado ad Aragón molto ottimista. Non sarà una gara facile sicuramente, ma credo di aver risolto i problemi alla spalla. Mi sento molto libero nel guidare, anche se ovviamente la resistenza è ancora poca. Abbiamo lavorato tanto dopo l’Australia, per chiudere il gap con l’Aprilia, e abbiamo fatto un ottimo lavoro. Aragón mi piace molto, è una bella pista, veloce e anche molto tecnica, sarà un ottimo banco di prova per verificare il lavoro fatto. Mi auguro solo di trovare bel tempo”. Chaz Davies: “Aragón è uno dei migliori circuiti del calendario, un posto fantastico. Il circuito ha un buon mix di tutto: salite, discese, curve secche e veloci. Ed è difficile trovare il giusto set up proprio perché il circuito varia tantissimo. Inoltre rispetto all’anno scorso sarà ancora diverso perché correremo tre mesi prima. Questo vuol dire anche una temperatura diversa che ha effetto in molte aree, ad esempio sul grip. Aragón è un posto speciale per me perché lì ho vinto nel 2011 in Supersport, ed era abbastanza inatteso, e l’anno scorso ho conquistato il mio primo podio nel Campionato Mondiale Superbike. Aragón mi piace e non vedo l’ora di tornarci e i risultati positivi dei test della scorsa settimana mi rendono molto ottimista. Ci impegneremo subito dal venerdì mattina e mi auguro di vedere dei risultati domenica“.

Aragón dal punto di vista tecnico:
Andrea Dosoli (Direttore Tecnico BMW Motorrad GoldBet SBK Team) “Aspettiamo Aragón con grande interesse. Dopo i test della scorsa settimana a Jerez siamo curiosi di vedere i risultati del duro lavoro fatto dal Team, nel reparto race in Italia e nel reparto R&D in Germania, su un circuito diverso. Un circuito dove in passato abbiamo vinto ma dove anche i concorrenti sono molto forti. Siamo ancora ‘eccitati’ al ricordo delle emozionanti gare dell’anno scorso. Il circuito di Aragón offre un po`di tutto: curve strette, settori veloci e scorrevoli, frenate impegnative e lunghi rettilinei, dove potremo sfruttare la potenza del motore BMW. Aragón è un circuito molto impegnativo sia per i pneumatici, in quanto l’asfalto è abrasivo, sia per i piloti, date le sue caratteristiche uniche. Trovare il giusto set up per la moto è una sfida impegnativa, anche considerando che le condizioni meteo potrebbero essere più fredde che in passato in quanto la gara è stata anticipata dall’estate a metà aprile. Dopo un break così lungo non vediamo l’ora di tornare in pista e siamo fiduciosi che i nostri piloti saranno i protagonisti principali del fantastico show che la Superbike offre”.

Aragón dal punto di vista sportivo:
Serafino Foti (Direttore Sportivo BMW Motorrad GoldBet SBK Team) “Aragón è la prima gara europea dopo una lunga pausa e sarà anche l’apertura di stagione per la Superstock. I risultati dei test dellascorsa settimana di Jerez, dove ha girato la Superbike, e di Aragón, con la Superstock, sono stati positivi. Inoltre Marco dopo il test non aveva dolore alla spalla e sembra abbia recuperato abbastanza bene. Mentre Chaz migliora ad ogni uscita il suo feeling con la RR. Entrambi i nostri piloti ad Aragón, lo scorso anno, hanno raccolto ottimi risultati e, anche se Marco no avrà ancora recuperato al 100%, siamo molto fiduciosi. Daremo il massimo a partire dalle qualifiche per raccogliere il miglior risultato possibile“.

Aragón dal punto di vista di Pirelli:
I nuovi pneumatici Pirelli da 17 pollici fanno ritorno in Spagna, a “Motorland Aragón”, dove lo scorso anno erano stati provati per la prima volta in assoluto dai piloti Superbike in occasione di un test svoltosi il lunedì successivo al weekend di gara. Il circuito è alquanto impegnativo per i pneumatici in quanto abbastanza abrasivo. Per questa ragione, è necessario un compromesso tra stabilità e rigidità delle mescole e il grip che possono esprimere a caldo. Dato che le temperature in aprile saranno piú basse, Pirelli porterà alcune soluzioni di sviluppo che dovrebbero essere un ottimo compromesso tra grip e rigidità. Per la classe Superbike Pirelli metterà a disposizione tre soluzioni slick da asciutto all’anteriore e altrettante per il posteriore. A queste si aggiungono le posteriori da qualifica,le intermedie e da bagnato. All’anteriore Pirelli prevede la soluzione SC1 di gamma in mescola morbida e la SC2 di gamma in mescola media, a cui si affianca una soluzione di sviluppo (S41) in mescola morbida come alternativa della SC1 di gamma (R426) atta a ridurre il tearing a freddo e a dare maggiore stabilità meccanica, un buon compromesso tra la SC2 di cui offre la solidità e la SC1 per quanto riguarda il grip. Anche per il posteriore i piloti potranno optare fra tre soluzioni, la SC1 standard (R828) in mescola media già vista a Phillip Island e la SC2 di gamma in mescola dura in grado di offrire una resistenza maggiore anche in caso di basse temperature. La terza opzione è offerta dalla R829, una soluzione di sviluppo che in termini di durezza della mescola si posiziona a metà strada tra la SC1 e la SC2 di gamma ed è stata progettata per contrastare le usure importanti tipiche di questo circuito. Inoltre per la prima volta farà il suo ingresso in scena il nuovo pneumatico intermedio (S44) che sarà disponibile per l’occasione solo per il posteriore. Pirelli ha deciso di riprogettare partendo da zero il nuovo Diablo Wet. Il nuovo disegno del battistrada a metà strada tra le soluzioni slick e la soluzione da pioggia è stato studiato per migliorare le condizioni di lavoro su pista bagnata/umida e garantisce di poter concludere la gara incondizioni di pista completamente asciutta.

Background:
Situato in una regione scarsamente popolata nel nord-est della Spagna e circondato da un vasto e pittoresco paesaggio collinare, rappresenta uno dei più moderni complessi motoristici del mondo. Il “Motorland Aragón” si trova a tre ore di guida a ovest di Barcellona, vicino ad Alcañiz – un paese di 16 mila abitanti nella Comunità Autonoma dell’Aragona. Alcañiz vanta una lunga tradizione motoristica: dal 1965 al 2003 vennero infatti regolarmente disputate gare su circuito stradale. “Motorland Aragón” è stato inaugurato nel 2009 ed è diventato subito un appuntamento fisso per alcuni campionati sia automobilistici sia motociclistici. La MotoGP corre su questo circuito dal 2010. Il Campionato Mondiale Superbike ha fatto il suo debutto ad Aragon nel 2011. La pista è inoltre utilizzata da numerosi team come tracciato test per gran parte dell’anno. Per molti piloti si tratta di uno dei migliori tracciati in calendario. Il layout di Aragon è considerato molto impegnativo a livello tecnico: settori incredibilmente veloci che sfociano in tornanti molto stretti si combinano a sequenze di curve in rapida successione. Questo disegno complesso richiede una precisa messa a punto vista la presenza di tratti in pendenza, curve cieche ed in discesa, che portano alla mente la pista portoghese di Portimão. La combinazione delle curve 7 e 8 si basa sul celeberrimo “Cavatappi” di Laguna Seca (USA). I piloti possono scatenare la cavalleria dei potenti motori a disposizione nei tratti veloci, incluso il rettilineo principale che misura quasi 1.8 chilometri. Uno dei punti chiave della pista è rappresentato dalla curva finale: i piloti devono aprire il gas presto per poter guadagnare lo slancio nello scollinamento e sul rettilineo di arrivo, al termine del quale si trova uno dei punti di sorpasso presenti nella pista. L’asfalto offre un’aderenza eccellente ed è molto ruvido.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©