Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Al bando chi critica il presidente

Bolivia, Evo Morales aumenta i controlli sui social network

Dopo la Coca Cola verso il divieto dei social network

Bolivia, Evo Morales aumenta i controlli sui social network
24/10/2012, 13:22

Dopo aver messo al bando la Coca Cola proibendo ai suoi cittadini di consumarla ed obbligandoli a comprare la bevanda alternativa prodotta nel suo paese, il capo del governo boliviano, Evo Morales, stringe il cerchio anche intorno ai social network.

Il governo di La Paz, infatti, ha creato un gruppo di lavoro che sta studiando in che modo “si possono regolamentare le reti sociali” su Internet, per evitare che siano usate per manipolare i fatti o insultare i governanti, in primis il presidente Evo Morales. Lo ha detto il ministro della Cultura, Pablo Groux, rispondendo ai cronisti riguardo alle dichiarazioni del vicepresidente, Alvaro Garcia Linera, che ha detto che lui frequenta le reti sociali per “prendere nota, con nome e cognome” di coloro che insultano il presidente Morales.

Secondo Garcia Linera, esiste in Bolivia un “piccolo gruppo di privilegiati” che si dedicano a criticare il governo in modo virulento su Internet, “e specialmente il presidente Evo è oggetto di insulti, maltrattamenti e umiliazioni”.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©