Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Boscoreale: nel territorio delle discariche liberato il primo centro autogestito del territorio Vesuviano


Boscoreale: nel territorio delle discariche liberato il primo centro autogestito del territorio Vesuviano
02/06/2012, 12:06

"il due giugno c'è chi si dedica a spendere in parate militari i soldi che servono ai terremotati e chi invece libera spazi: l'ex-Asilo di Boscoreale è il primo spazio sociale autogestito del territorio Vesuviano"

Stamattina, sabato 2 giugno, alcune decine di giovani e attivisti del territorio vesuviano hanno occupato l'ex asilo di piazza Vargas a Boscoreale (di fronte alla vecchia stazione della circumvesuviana) per restituirlo a un uso sociale e autogestito!.
Una piazza simbolo, la piazza di partenza di quasi tutte le manifestazioni popolari contro le discariche sul Vesuvio.

L'ex-asilo è una struttura abbandonata da anni al totale degrado (vedi foto) e che può invece diventare un luogo di socialità non mercificata, di autoproduzione culturale e di riferimento sociale per autorganizzarci tutti e tutte su diritti fondamentali come quello alla salute, alla qualità dell'ambiente, al reddito, allo studio, al gioco, alla bellezza della nostra terra.
Una terra violentata da discariche e militarizzazione, ma che ha già conosciuto la resistenza sociale diffusa contro l'autoritarismo, il cinismo e la speculazione della devastazione ambientale e delle discariche del Vesuvio.
Nelle giornate in cui lo Stato spende in parate militari soldi che potevano servire ai terremotati e agli sfollati, noi che abbiamo conosciuto una militarizzazione pazzesca di questi stessi territori apriamo invece spazi di libertà.

In questo momento siamo impegnati a restituire vivibilità alla struttura, a pulirla, a rifunzionalizzare luce e acqua. Ma già parte il primo programma di attività (vedi jpg allegata) e invitiamo tutti e tutte a venire, a sostenere questa esperienza con l'azione diretta, a riprogettare insieme l'uso degli spazi e le attività possibili!

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©