Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Botulino scaccia bisturi: la medicina estetica ritarda il lifting di 5 anni


Botulino scaccia bisturi: la medicina estetica ritarda il lifting di 5 anni
07/01/2010, 10:01


ROMA - L'appuntamento con il bisturi si posticipa sempre di più. Merito della medicina estetica che, se utilizzata nel modo giusto, riesce a cancellare i primi segni d'invecchiamento del viso come farebbe la chirurgia. «I casi che fino a qualche anno fa richiedevano l'uso del bisturi, oggi si possono trattare in modo più soft, senza ricorrere in prima battuta alla chirurgia -afferma Francesco Bernardini, medico specialista in chirurgia oculoplastica e professore a contratto all'Università di Genova-. È una strada che i pazienti percorrono sempre più spesso quando vogliono mandare indietro le lancette dell'orologio e non sono da subito decisi a farlo con un'operazione. Per questo l'approccio "soft" è sempre più apprezzato: in meno di un'ora, un'iniezione con un ago sottilissimo, da eseguire con anestesia locale. Il tempo di una pausa pranzo».
Nelle mani giuste, acido ialuronico e botulino possono fare "magie": «Sul mercato ci sono filler "morbidi" che si iniettano superficialmente con facilità e in questo caso l'effetto dura tre/quattro mesi. Esistono poi filler "densi" che vanno iniettati più in profondità e che possono essere eseguiti solo da specialisti qualificati: i risultati sono più naturali e la durata supera l'anno», continua Bernardini. Togliere le rughe con i filler non vuol dire necessariamente eliminare l'espressività del volto: ci sono modi per ottenere un effetto naturale anche con gli iniettabili. Labbra troppo gonfie o espressioni "fisse" sono infatti un risultato artificioso, conseguenza di un lavoro non eseguito a regola d'arte.
L'uso sapiente di sostanze iniettabili riesce a posticipare l'appuntamento con il bisturi anche di cinque anni: l'importante è rivolgersi a specialisti qualificati, informarsi sul prodotto che viene iniettato e discutere con il medico del risultato che si vuole raggiungere.
«Grazie ai progressi fatti negli ultimi anni, la medicina estetica riesce a rendere la pelle più tonica e lucida -afferma il chirurgo socio dell'Asoprs (American Society of Ophthalmic Plastic and Reconstructive Surgery)-. Con una semplice punturina si riesce a intervenire su tutte quelle zone del volto che una volta erano riservate solo al bisturi del chirurgo: si può sollevare il sopracciglio e gonfiare zigomi e guance, utilizzando botulino e acido ialuronico. Per le borse sotto agli occhi è perfetto invece l'acido ialuronico. Anche la fronte, una delle zone più difficili da trattare, può essere spianata con i filler. Di solito si riesce a tamponare con la medicina estetica l'invecchiamento anche per cinque anni, con un appuntamento annuale dal medico per la remise en forme». La maggioranza dei pazienti a quel punto passa al bisturi per rendere definitivi i risultati.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©