Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Campania 22.000 uomini convivono con tumore alla prostata

In aumento il tumore del testicolo

Campania 22.000 uomini convivono con tumore alla prostata
03/12/2018, 16:05

Napoli, 3 dicembre 2018 – Un punto di riferimento per la Regione Campania e un traguardo per l’Istituto Tumori di Napoli che mette a segno un goal con due percorsi di presa in carico rapidi, efficaci ed efficienti, tali da garantire al paziente con tumore prostatico e tumore del testicolo un’offerta ampia e innovativa di opportunità diagnostiche, terapeutiche e assistenziali secondo le più recenti Linee guida internazionali; due percorsi dotati di una squadra multidisciplinare, che si fa carico del paziente, lo
accompagna e rende meno arduo il passaggio da una fase all’altra della malattia.
Due Percorsi Diagnostico-Terapeutici Assistenziali (PDTA) dell’Istituto Tumori IRCCS Fondazione Pascale di Napoli hanno ottenuto la certificazione UNI EN ISO 9001:2015 dall’Ente internazionale Bureau Veritas per l’implementazione del PDTA del tumore della prostata e del PDTA del tumore testicolare, progetto che è stato reso possibile grazie al sostegno incondizionato di Astellas e al supporto organizzativo di OPT, il provider deputato a preparare i Centri alla certificazione.
«La certificazione dei due PDTA, prostata e testicolo, rappresenta un opzione strategica fondamentale che, per il Pascale, se fino a ieri era una meta, oggi è già una tappa, perché è nostra intenzione estenderla a tutti i PDTA approvati nell' Istituto – dichiara Attilio A. M. Bianchi, Direttore Generale Istituto Nazionale Tumori - Fondazione Pascale di Napoli – sempre più l'Istituto Tumori di Napoli si caratterizza per lo standard internazionale che configura il nostro livello assistenziale».
Con questo programma di certificazione l’Istituto dei Tumori IRCCS di Napoli si propone ancora una volta come punto di riferimento per la gestione e il più efficace trattamento del paziente oncologico e, nel caso specifico, del paziente affetto da neoplasie della prostata e del testicolo. «La certificazione dei due PDTA basata sulla misurazione dell’efficienza attraverso indicatori di performance, attraverso processi periodici di audit interni, consente di poter trasferire queste modalità gestionali direttamente sul territorio regionale tramite la Rete oncologica (ROC) che ci vede coordinatori – continua Gerardo Botti, Direttore Scientifico Istituto Nazionale Tumori - Fondazione Pascale di Napoli – la presa di coscienza da parte degli operatori delle strutture territoriali delle azioni di miglioramento sul processo gestionale del paziente si traduce automaticamente nel miglioramento delle prestazioni clinico-assistenziali ad esso dovute e nella riduzione della migrazione sanitaria».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©