Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

In trenta hanno giurato alla manifestazione di ieri

Casandrino, primo Corpo di Guardie Ambientali


Casandrino, primo Corpo di Guardie Ambientali
08/11/2010, 15:11

Ieri mattina, domenica 7 novembre 2010, alla presenza del sindaco di Casandrino Antimo Silvestre, del vicesindaco assessore all’ecologia Salvatore Picardi, e di alcuni amministratori, hanno giurato i volontari delle Guardie Ambientali. In trenta, tra donne e uomini, hanno ufficializzato il loro impegno per la salvaguardia dell’ambiente. Uno dei principali compiti delle guardie ambientali, infatti, è la tutela ambientale e l’applicazione delle norme comunali, regionali e nazionali in materia di diritto di protezione ambientale, nonché l’attività di acquisizione, accertamento di tutte le violazioni inerenti tematiche ambientali. La “Guardia Ambientale Volontaria” ha il potere specifico sull’inquinamento, ovvero abbandono di rifiuti; acustico; luminoso; elettromagnetico; dell’aria; dell’acqua; del suolo e del sottosuolo.
“Con questo corpo di volontari ‘volenterosi’ – dichiarano il sindaco Silvestre ed il vice Picardi – intendiamo tutelare maggiormente la salute dei cittadini. Questi trenta ragazzi, infatti, pattuglieranno il territorio giorno e notte con il preciso compito di impedire l’abbandono indiscriminato di rifiuti da parte di incivili e contribuiranno a far funzionare meglio la raccolta differenziata”.
Alla cerimonia di giuramento erano presenti anche il presidente di fare Ambiente di Frattamaggiore, Giuseppe Maione; il comandante delle Guardie ambientali di Frattamaggiore, tenente Francesco Vitale; il vice comandante regionale Antonio Vitale; rappresentanti di agenti di Frattamaggiore e Crispano. In attesa dell’organigramma, il coordinamento di Casandrino è stato affidato a Giuseppe Di Donato, carabiniere in pensione.
Hanno fatto giungere il loro saluto il Comandante Regionale Giuseppe Ferrieri ed il presidente nazionale, generale Alberto Raggi.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©