Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Caserta, Lilt: InfomiAMOci, incontro sui diritti del malato


Caserta, Lilt: InfomiAMOci, incontro sui diritti del malato
22/03/2011, 10:03

Mercoledì 23 marzo alle ore 17.30 presso la sala riunioni del Centro di Servizio per il Volontariato (Csv) Assovoce in via Sant’Antonio 18 a Caserta, la Sezione Provinciale della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (Lilt), presieduta da Enzo Battarra, in collaborazione con lo Studio Legale Carozza, ha invitato le associazioni socio-sanitarie del territorio per organizzare un evento per una corretta informazione sui diritti del malato.
Nel 2009, constatata la necessità di un supporto legale per le continue richieste di assistenza per casi di “mala burocrazia”, la Sezione casertana della Lilt ha siglato un protocollo d’intesa per la consulenza gratuita per i diritti del paziente oncologico con lo studio legale diretto dall’avvocato Domenico Carozza.
Nel 2010, con specifico protocollo d’intesa, è stato inaugurato presso il Padiglione Centrale dell’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta l’infopoint “Informiamoci” sui diritti dei pazienti oncologici, dei diversamente abili e delle persone trapiantate di organi, gestito dai volontari della Lilt con la stretta collaborazione dello Studio Legale Carozza, per offrire informazioni sanitarie e consulenze legali gratuite.
L’evento è stato ampiamente pubblicizzato grazie al progetto Informiamoci, iniziativa realizzata nell’ambito delle attività dei Bandi di Idee 2009 del Csv Assovoce in collaborazione con le sezioni provinciali dell’Aido e dell’Aism.
Nonostante gli sforzi profusi, resta ancora una larga maggioranza della popolazione che è disinformata. Da ciò deriva l’idea di organizzare con tutte le realtà dell’associazionismo, in collaborazione con gli enti pubblici, un evento di carattere provinciale che possa gettare le basi per la creazione di una rete solidaristica tesa ad aiutare le persone gravemente malate che devono imbattersi a volte in un complicato iter burocratico per veder riconosciuti gli elementari diritti che gli spettano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©