Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Cento sportelli "Verdi" per una migliore raccolta differenziata


Cento sportelli 'Verdi' per una migliore raccolta differenziata
02/10/2010, 14:10

Commissariare i comuni che non raggiungono la quota del 50% di raccolta differenziata e abbandonare i consorzi di bacino affidandosi alla gestione privata. Questa la strada da percorrere, secondo i Circoli dell'ambiente e della cultura rurale, per bloccare il ritorno di una ''nuova emergenza rifiuti'' in Campania.

Oggi, in occasione della Giornata nazionale del riciclo promossa dal ministero dell'Ambiente e dal Conai (Consorzio nazionali imballaggi), i Circoli dell'ambiente lanciano in 100 comuni della Campania il progetto 'Il nostro rifiuto, la vostra risorsa' (www.ilnostrorifiutolavostrarisosrsa.info) - cofinanziato dalla provincia di Salerno e dal comune di Castel San Giorgio - con l'apertura in oltre 100 sedi della Regione di uno Sportello informativo ambientale (Sia) per 'insegnare' una migliore raccolta differenziata riducendo la quantita' di rifiuti prodotti e per rendere i cittadini piu' consapevoli. Per il presidente dei Circoli dell'Ambiente, Alfonso Fimiani, in una fase critica come quella attuale ''non possiamo che ripartire dalla raccolta differenziata''.

A proposito della discarica di Terzigno, ‘’la posizione più responsabile – aggiunge - sarebbe quella di aprire l’impianto con la massima cautela e tutte le garanzie che sia una soluzione temporanea, anche se si parla dello sversatoio più grande d’Europa con una capacità di circa 3 milioni di tonnellate’’. Infine, un appello al ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, affinche' metta ''in condizione i comuni campani di affidarsi al Conai e staccare la spina ai consorzi per ridurre la tarsu e migliorare i servizi’’.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©