Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Chirurgia degli occhi, il consulto è on-line: parere e costi partendo dalla foto


Chirurgia degli occhi, il consulto è on-line: parere e costi partendo dalla foto
22/07/2010, 10:07


ROMA - "Dottore, vorrei farmi un lifting, che ne pensa? Può aiutarmi a risolvere questo problema di occhiaie?". Le consultazioni mediche on-line sono una pratica diffusa. Oggi però si va oltre: mandando una fotografia è possibile avere un parere preciso e personalizzato. Lo propone Francesco Bernardini, chirurgo oculoplastico, ossia super specialista della zona occhi sia per la parte estetica, sia per quella funzionale, che ha voluto offrire ai propri pazienti uno strumento in più: la possibilità di inviare una foto per un primo consulto on-line tramite il sito www.oculoplasticabernardini.eu. «Oggi sempre più persone utilizzano il web per cercare una soluzione ai propri problemi di salute o per migliorare il proprio aspetto - afferma Bernardini, che ha studi a Milano, Torino e Genova -. I pazienti sono pronti ad andare dove ritengono meglio per la propria salute e per ottenere i risultati migliori e sono quindi disposti anche a fare molti chilometri per un consulto». Oggi il 60% dei pazienti di Bernardini arriva da regioni diverse da quelle dove riceve e la percentuale è in continua crescita. «I pazienti sono molto attenti e cercano informazioni via internet sia sull'argomento che interessa, sia sullo specialista a cui rivolgersi: nel mio caso sono colpiti dalla specializzazione in oculoplastica, ancora poco conosciuta in Italia, dal training americano, dalle pubblicazioni internazionali e dai video che trovano sul sito, sia chirurgici sia di spiegazione pratica e filosofia di lavoro», aggiunge Bernardini. Per favorire il rapporto diretto tra medico e paziente, ma anche per evitare viaggi lunghi e inutili, Bernardini ha voluto offrire l'opportunità di inviare, oltre alla mail, una fotografia digitale di occhi o viso: «I pazienti si scattano da soli le foto o le scattano alle palpebre di figli e familiari - afferma Bernardini -. In questi mesi ho ricevuto molte richieste: spesso la qualità non è ottima, ma permettono comunque di farsi un'idea. La consultazione online ovviamente non può mai sostituire una visita medica, ma aiuta soprattutto i pazienti più lontani a capire se il problema può essere trattato e come, e fornisce indicazioni anche sul range dei costi». La risposta, anche se concisa visto l'alto numero di richieste, è garantita e aiuta il paziente a capire come procedere. A utilizzare questo sistema sono pazienti di tutta Italia, soprattutto del sud e delle isole, che si rivolgono al chirurgo sia per problematiche funzionali (ptosi palpebrali, occhi eccessivamente sporgenti per la tiroide, esiti da traumi), sia per quelle estetiche (complicazioni da blefaroplastica, indicazioni all'uso di tossina botulinica e filler, complicanze di precedenti interventi). «Il consulto virtuale, con tutti i suoi limiti, permette però di avere un primo approccio con il paziente - afferma Bernardini -. Ovviamente il parere è solo indicativo. E' chiaro che prima di qualsiasi intervento è necessaria una visita preliminare. Questo strumento però può aiutare a togliere dei dubbi e ad avere un'indicazione di massima dei costi». I dati vengono utilizzati solo per il consulto e non sono diffusi a terzi: la privacy è dunque tutelata.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©