Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

La showgirl argentina e Clooney i più gettonati

Chirurgia plastica, al medico si chiede: "Voglio essere come Belen"

Studio della Società Italiana di Medicina Estetica

Chirurgia plastica, al medico si chiede: 'Voglio essere come Belen'
20/05/2012, 19:05

Fino a duemila euro all'anno per assomigliare a Belen o a George Clooney. Sono questi, infatti, per gli italiani, i modelli estetici da imitare ed i più richiesti ai chirurghi plastici. Lo dimostra un'indagine della Società Italiana di Medicina Estetica (SIME) i cui vertici sono in questi giorni a Roma in occasione del 33esimo congresso nazionale sulle "tendenze" in materia di chirurgia plastica. Continuano, dunque, a fare da modello di bellezza ideale i divi del piccolo e del grande schermo, oltre a quelli delle passerelle. La domanda fatta agli intervistati sui modelli maschili mette al primo posto George Clooney (57%), seguito da Barack Obama (18%), Fiorello (16%) e Christian Vieri (7%). Tra le donne, in cima alla classifica c'è Belen Rodriguez (35%), quindi Carla Bruni (26%), Paola Cortellesi (22%) e Milly Carlucci (16%). La maggior parte dei pazienti (38%) dichiara di essere disposta a spendere 500-1000 euro all'anno per questi trattamenti, mentre un'altra buona fetta (34%) può spingersi fino ai duemila euro annuali. C'è poi un 1% che non si ferma di fronte a niente ed è disposto a spendere anche fino a 5mila euro all'anno per la medicina estetica. Ma qual è l'intervento che le signore richiedono con più frequenza al proprio medico estetico? Il filler , nel 45% dei casi. Al secondo posto c'è la biostimolazione (36%), seguita dai peeling (31%) e dai trattamenti mesoterapici (19%). Quanto alle motivazioni che spingono le persone a cercare un aiuto nella medicina estetica, si tratta innanzitutto del desiderio di ritardare l'invecchiamento cutaneo, ma pesa anche il fatto che non ci si accetta per quello che si è. Infatti, 7 pazienti su 10 decidono di entrare in uno studio di medicina estetica quando vedono i buoni risultati raggiunti in questo campo dai propri amici e amiche. Una paziente su tre di quelle intervistate fa una visita di controllo ogni due mesi, ma ci sono donne (2,5%) che si dedicano un 'pit-stop' almeno ogni due settimane. Il 75% delle intervistate, infine, si dice soddisfatta dei trattamenti ricevuti . Quando si fa la domanda precisa, risponde: «Sì, ora mi sento meglio».

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©