Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Cinque motociclisti impegnati in un viaggio avventuroso in sella alla nuova BMW R 1200 GS


Cinque motociclisti impegnati in un viaggio avventuroso in sella alla nuova BMW R 1200 GS
12/04/2013, 14:37

Monaco. Cinque tour eccezionali in cinque continenti con una nuova BMW R 1200 GS: “One World. One R 1200 GS. The ride of your life” è stato il nome dell’evento scelto da BMW Motorrad per i cinque fortunati vincitori invitati a sperimentare l’avventura che vale una vita. Una donna e quattro uomini sono stati selezionati tra i circa 12.000 iscritti in tutto il mondo per partecipare ad un viaggio indimenticabile prima del suo lancio ufficiale. La più grande varietà di terreni, altitudini e zone climatiche che il mondo può offrire ha fatto sì che il tour si rivelasse un’esperienza indelebile nei ricordi dei piloti.

Una giuria composta da famosi motociclisti, l’attore già Premio Oscar Adrien Brody, la leggenda dello sport motoristico Jutta Kleinschmidt, la star di Hollywood Rick Yune e il viaggiatore televisivo Charley Boorman, ha selezionato i partecipanti a questo viaggio avventuroso. Dalla rosa di candidati provenienti da tutto il mondo, la giuria ha scelto un gruppo di cinque motociclisti dotati di abilità sportiva, sete di avventura e una certa dose di coraggio. I candidati prescelti sono appassionati di moto BMW provenienti da Italia, Germania, Spagna, Francia e Gran Bretagna. Ogni partecipante ha sperimentato la “corsa della sua vita” in un continente diverso, ma l’unica che completerà l’intera distanza globale sarà la BMW R 1200 GS.

Il tour è iniziato in Laos il 25 gennaio 2013. Nove giorni più tardi, la GS veniva consegnata al successivo anello della catena in Nuova Zelanda. Dopo altre otto giornate di viaggio, la moto si è spostata in Sud Africa prima di essere consegnata al quarto partecipante, che aveva a disposizione 10 giorni per esplorare gli Stati Uniti occidentali. Infine, l’ultimo membro del gruppo si è avviato pochi giorni fa attraverso l’Europa per arrivare all’appuntamento del 13 aprile a Monaco. A quel punto, la BMW R 1200 GS avrà coperto un totale di 12.600 chilometri nel giro di 44 giorni.

Il pilota dell’ultima tappa, la britannica Stephanie Rowe, arriverà al Museo BMW poco dopo le ore 15 di sabato 13 aprile, per essere accolta dai festeggiamenti del tour “One World. One R 1200 GS”. La R 1200 GS, che è stata firmata dai famosi componenti della giuria prima del tour, sarà consegnata al Museo BMW come parte dell’evento. Il partecipante tedesco del tour Herbert Unger ed il membro della giuria Jutta Kleinschmidt saranno tra coloro che attenderanno l’arrivo di Rowe al Museo BMW.



Tour Laos

E’ toccato al 35enne Alessio Cigolini iniziare il tour in Laos il 25 gennaio 2013. Il pilota italiano ed il suo team di appoggio sono partiti subito per un viaggio di nove giorni, affrontando percorsi rocciosi, ghiaia, polvere e strade asfaltate lungo il fiume Mekong, passando attraverso montagne e foreste. Cigolini ha anche guadato diversi fiumi ed esplorato aree remote fuori Luang Prabang, cosa fattibile soltanto con le guide esperte della regione. Il team ha effettuato diverse fermate lungo il percorso per conoscere meglio il popolo laotiano, dal quale è stato accolto con calore. Insieme alla bellezza e al fascino del viaggio, Cigolini ha dovuto affrontare diverse sfide e prove. Il pilota e la sua nuova R 1200 GS hanno dovuto affrontare contemporaneamente strade impegnative, con salite e discese sdrucciolevoli, stretti tornanti e fitte nebbie. Tuttavia, alla fine della sua tappa, il sorridente pilota italiano ha potuto riflettere su quanto aveva appena sperimentato: “La settimana più impressionante e indimenticabile della mia vita”.

Tour Nuova Zelanda

Il pilota bavarese Herbert Unger ha preso in consegna le chiavi della nuova R 1200 GS a Christchurch prima di iniziare un percorso attraverso l’isola meridionale della Nuova Zelanda. Già dall’inizio il 49enne ha incontrato alcuni tratti di strada affascinanti che lo hanno portato ad ammirare i villaggi di pescatori lungo la costa per poi dirigersi verso le montagne. Una sosta a Queenstown è stata seguita dai “più impegnativi 18 chilometri della mia vita” attraverso fiumi e lungo salite fangose sulle montagne che caratterizzano la Nuova Zelanda. Unger e la sua squadra hanno avuto il privilegio di esplorare con le loro moto alcune luoghi ora famosi. Infatti, Castle Hills – una località utilizzata per le riprese del film “Il Signore degli Anelli” – ha offerto il degno finale ad un tour molto speciale.

Tour Sud Africa

Al 41enne pilota spagnolo Salvador Echevarria è stata offerta l’occasione di guidare la nuova R 1200 GS attraverso il Sud Africa – e di fare diversi incontri con popolazioni locali e animali lungo il percorso. Come sorpresa speciale, un gruppo di 40 motociclisti GS si è riunito a Cape Town per vederlo iniziare il viaggio e per accompagnarlo nei primi 230 km sulle scogliere rocciose che guardano l’Oceano Indiano. Il Parco Nazionale di Capo di Buona Speranza ha offerto alla nuova enduro da viaggio uno splendido palcoscenico per mettere in mostra la sua capacità di affrontare qualsiasi situazione meteo e la sua adattabilità sia alle strade in piena sia al terreno molto accidentato. Il team dello spagnolo si è anche avventurato lungo uno dei più famosi percorsi fuoristrada del mondo, appena oltre De Hell, dove tracciati rocciosi e pareti di montagna vertiginose hanno richiesto un’ assoluta concentrazione e precisione di guida. La natura ha preparato un’esperienza straordinaria per tutti coloro che ne sono stati coinvolti.

Tour USA

“La GS va a Hollywood” era il messaggio per il 39enne Stéphane Gautronneau quando è salito per la prima volta a bordo della nuova R 1200 GS a Los Angeles. Il fortunato candidato francese aveva 10 giorni per immergersi nella parte occidentale degli Stati Uniti – canyon, spiagge da surfing e tutto il resto. Questo è stato un viaggio in condizioni estreme dal punto di vista climatico: sulle vette delle montagne californiane, attraverso le boscaglie del deserto lungo la costa del Pacifico, aprendosi la strada su sentieri coperti di neve, di fango e di polvere. Il tour ha compreso anche alcune città, tra le quali Los Angeles e San Francisco, nonché città fantasma vibranti nel calore della Valle della Morte. Gautronneau ha riassunto l’esperienza di una giornata tipicamente soddisfacente: “Guidare uno splendido mezzo lungo questa strada impegnativa – questo è rock’n’roll!”

Tour Europe

La motociclista inglese Stephanie Rowe è la più giovane dei vincitori del concorso, con i suoi 25 anni, ed è anche l’unica donna tra i partecipanti. Il tour della Rowe è iniziato a Barcellona, lanciando il pilota e la moto in un viaggio attraverso il quinto e ultimo continente della spedizione “One World. One R 1200 GS”. La tappa europea del viaggio porta Rowe attraverso cinque paesi – dalla Spagna, attraverso la Francia e l’Italia, passando per l’Austria prima di arrivare a Monaco, città sede di BMW. Lungo il percorso, essa ha già pilotato la GS sui passi montani dei Pirenei fino alle strade parzialmente asfaltate della Regione della Linguadoca e dell’Auvergne in Francia. Una volta in Italia, il suo viaggio la porta sulle colline toscane e sulle strade sinuose che guardano il lago di Garda. Lì incontrerà il collega Herbert Unger, che l’accompagnerà attraverso il confine italo-austriaco e condividerà con lei gli ultimi chilometri del tour fino all’arrivo a Monaco il 13 aprile. I due saranno accolti da un comitato di visitatori, di organizzatori e degli altri partecipanti al Museo BMW mentre inizia l’evento in programma per la fine del tour.

La nuova R 1200 GS

Il “concetto GS” ha rappresentato il vero piacere di guida e la sete di avventura per oltre 32 anni. E i modelli GS con motore boxer sono stati ambasciatori particolarmente efficaci. Questo concetto esclusivo di maxi enduro touring con un motore potente cattura l’immaginazione degli appassionati di moto di tutto il mondo – e ce ne sono tanti.

Il modello di maggiore successo di BMW Motorrad è stato rivisto radicalmente per creare la quinta generazione, entrata sul mercato nell’ottobre 2012.


Le caratteristiche salienti:

  • •  Nuovissimo propulsore progettato per offrire le migliori prestazioni nel segmento enduro touring.
  • Cilindrata di 1.170 cc, potenza di 92 kW (125 CV) a 7.700 giri/min., coppia massima di 125 Nm a 6.500 giri/min.
  • Teste cilindri con flusso verticale per efficienza e per prestazioni ancora maggiori.
  • Impianto di raffreddamento aria/acqua per un equilibrio termico ottimale.
  • Cambio a sei velocità integrato nel basamento motore, con frizione a bagno d’olio, funzione anti-hopping per un minore sforzo di azionamento.
  • E-gas per una guidabilità ancora migliore, per fluidità di funzionamento e funzioni speciali.
  • Modalità di guida selezionabili: “Rain”, “Road”, “Dynamic”, “Enduro” ed “Enduro Pro”.
  • Sistema ABS integrale BMW Motorrad montato di serie.
  • Sospensione semi-attiva dinamica ESA (opzione montata in fabbrica).
  • Primo proiettore a Led su una moto, con luci diurne integrate (opzione montata in fabbrica).
  • Ergonomia ottimizzata.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©