Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

I colloqui dureranno fino all'11 giugno

Clima: a Bonn le trattative della Convenzione Onu


Clima: a Bonn le trattative della Convenzione Onu
31/05/2010, 19:05

BONN -  Riprendono oggi i negoziati sul clima in ambito Onu. A Bonn, in Germania, e' infatti iniziata la sessione ufficiale della Convenzione quadro per i cambiamenti climatici, in cui 182 governi (oltre 4.500 partecipanti, tra delegati governativi, rappresentanti di imprese e l'industria, le organizzazioni ambientaliste e istituti di ricerca) si sono incontrati per riprendere il discorso lasciato alla Conferenza delle Nazioni Unite di Copenaghen (Cop15). In particolare, nel corso delle due settimane di colloqui che dureranno fino all'11 giugno, il tentativo sara' di mettere a punto una piena attuazione delle azioni da intraprendere contro i cambiamenti climatici in tutto il mondo. Quanto concordato a Copenaghen, riferisce il segretario esecutivo uscente dell'Unfccc, Yvo de Boer, ''potrebbe avere un esito'' con il rinvio di un anno, parlando della prossima Conferenza delle parti a Cancun, in Messico, su cui cresce ''il consenso per l'obiettivo'' che deve esser raggiunto: ''Una piena e efficace architettura - dice de Boer - per un'azione collettiva sul clima'', con il mantenimento delle promesse prese a Copenaghen sia per il finanziamento che per le azioni. Da domani, martedi' 1 giugno, i delegati dei Paesi inizieranno a discutere di un nuovo testo di negoziazione per il Gruppo che lavora sul lungo termine per offrire una soluzione globale alla sfida dei cambiamenti climatici. Poi, ci sara' il lavoro del gruppo che agisce sotto il Protocollo di Kyoto con l'obiettivo di riduzione delle emissioni dei 37 paesi industrializzati per il periodo successivo al 2012. In questo caso, de Boer ha invitato ''i governi a sviluppare da subito una maggiore chiarezza sul futuro del Protocollo di Kyoto per non lasciarlo incustodito''. Inoltre, un altro invito del segretario e' stato rivolto ai paesi industrializzati per adempiere all'impegno finanziario promesso a Copenaghen (30 miliardi di dollari al 2012 come fast-start).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©