Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Con l'evoluzione l'uomo diventa sempre meno intelligente


Con l'evoluzione l'uomo diventa sempre meno intelligente
14/11/2012, 20:07

Secondo uno studio condotto dall’Università di Stanford e pubblicata dalla rivista Trends in genetics, sembrerebbe che con l’evoluzione la razza umana stia perdendo intelligenza. Questo dipenderebbe dalla selezione naturale che tenderebbe ad avvantaggiare chi “accomoda” maggiormente la mente e il fisico. Il principale autore dello studio, Gerald Crabtee, spiega: “Siamo una specie sorprendentemente fragile dal punto di vista intellettuale e probabilmente abbiamo raggiunto il nostro picco di intelligenza tra i 6.000 e i 2.000 anni fa. È sufficiente che la selezione naturale diventi meno severa che subito il nostro patrimonio intellettuale si indebolisce” Crabtee continua “Se un cacciatore-raccoglitore non riusciva a risolvere il problema di come trovare cibo moriva e con lui tutta la sua progenie. Oggi invece un manager di Wall Street che fa un errore riceve un cospicuo bonus e diventa più attrattivo. Chiaramente la selezione naturale non è più così estrema.”

Sono stati individuati da 2mila a 5mila geni legati all’intelligenza. In assenza di selezione, gli ultimi 3mila anni sono stati un tempo sufficiente per alterare questi geni in diverse mutazioni, compromettendo l'intelligenza umana.

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©