Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Il 75% competente in materia. Presto l'esperto via chat

Contraccezione: giovani, sesso e volentieri


Contraccezione: giovani, sesso e volentieri
24/09/2010, 18:09

ROMA – Il Sesso? Finalmente i ragazzi ne sanno di più. Il merito sarebbe dell’educazione sessuale spiegata in classe: ben il 90% dei giovani si sono dichiarati estremamente soddisfatti delle informazioni ricevute durante i corsi ed il 75% è più competente in materia rispetto al passato.
Le lezioni frontali sono state organizzate dalla Sigo, la società italiana di ostetricia e ginecologia, che ha ben pensato di dotare i medici che sono a contatto con gli studenti di un kit, formato da opuscoli informativi con tutte le info più importanti ed i consultori a cui rivolgersi in caso di necessità: un’iniziativa che, a quanto pare, ha coinvolto ed appassionato i più piccoli e che adesso sarà estesa anche al Web. Le chat, infatti, assieme ai social network, rappresentano dei veicoli fortissimi di notizie fruibili dai ragazzi. E così, come spiega la ginecologa Alessandra Graziottin, sul sito www.sceglitu.it è attiva una nuova sezione, nella quale i docenti potranno richiedere direttamente mentre sono in classe l’ausilio di un esperto, che via web fornirà tutte le risposte e soddisferà le curiosità degli studenti.
Un aiuto fondamentale, sopratttto oggi: secondo un’indagine, condotta per la Giornata mondiale della contraccezione (che si celebra il 26 settembre), solo il 36% dei ragazzi italiani dichiara di rivolgersi al proprio docente per chiedere informazioni, contro il 64% della Gran Bretagna, il 44% della Spagna e il 42% della Francia. Gli italiani, però, parlano di più con genitori, cui si rivolge il 55% dei ragazzi.
La prevenzione, aggiunge l’esperta, è determinante per evitare malattie sessualmente trasmissibili: ogni giorno a Milano si registra almeno un nuovo caso di sifilide e di HiV tra i giovani.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©