Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Cross Country: Suzuki ipoteca il titolo tricolore


Cross Country: Suzuki ipoteca il titolo tricolore
23/07/2011, 11:07

“E’ una vittoria importante per raggiungere l’obiettivo prefissato: vincere il Campionato Italiano. Un’affermazione di squadra dopo un duello con Fichera, sofferta da parte mia ma bella proprio perché difficile da raggiungere.” Sono le parole di Lorenzo Codecà, pronunciate sul primo gradino del podio al termine della gara appena vinta alla Baja della Sila a dare dimensione del successo ottenuto da Suzuki.

Nel fine settimana appena concluso in Calabria, Suzuki aggiunge la terza affermazione consecutiva allo score vincente che consente al team di dominare la massima serie Tricolore del Cross Country Rally.

Sono le prestazioni dei piloti a bordo dei Grand Vitara a rendere possibile l’attestazione di forza del Marchio dei fuoristrada nipponici, che comandano ora in ogni classifica della serie: Codecà e Fedullo guidano la graduatoria assoluta e il Gruppo T1, Claudio Petrucci e Paolo Manfredini sono al vertice del ranking assoluto e primeggiano nel Gruppo T2, riservato ai fuoristrada di serie; Mirko Bertoni e Alice Vanni sono al vertice della classifica del Gruppo TH.

Il milanese Codecà, affiancato sempre dal navigatore emiliano Bruno Fedullo, vince il terzo round della serie Tricolore CSAI conseguendo la seconda affermazione personale dell’anno. La coppia di piloti della Grand Vitara V6 3.6 T1 ufficialmente schierata da Suzuki Italia, si aggiudica la competizione della Baja della Sila organizzata da Rao Automobili di Cosenza, superando nel finale i compagni di squadra Giorgio Fichera e Antonio Narzisi.
Codecà, infatti, portatosi al comando dopo la tappa iniziale del sabato, ha dovuto cedere la prima posizione al compagno di squadra per una errata segnalazione sul road book di un bivio, all’inizio della seconda tappa. I siciliani a bordo del Suzuki Grand Vitara V6 2.7 T1, hanno poi condotto in testa buona parte della giornata gara, sbagliando nella penultima frazione cronometrata, nona di dieci, uscendo di strada e tagliando il traguardo di Camigliatello Silano con 5’09”69 di ritardo dai vincitori.

Petrucci e Manfredini, dopo una gara tribolata le cui prestazioni sono state rallentate dal mal funzionamento del Trip Master mettendo in crisi l’impianto elettrico del Grand Vitara 1.9 DDiS della Poillucci e risolto a pochi chilometri dal fine gara, riescono ad agguantare la terza piazza assoluta, prima del Gruppo T2, approfittando anche dei ritiri di Lolli e Forti e di Bordonaro e Longo.

Petrucci e Manfredini, vincono anche la terza prova del Suzuki Challenge, precedendo Mancusi e Musi, quarti assoluti in gara ed al secondo posto di T2. Inizialmente condizionati da un poco adatto assetto del Grand Vitara 1.9 DDiS, e autori nel finale del traino di Fichera in difficoltà, con tenacia terminano concludono la gara calabrese al secondo posto del monomarca Suzuki davanti a Mirko e Mike Emanuele, terzi, acquisendo i punteggi che gli consentono di balzare al secondo posto della graduatoria del trofeo.

Di spessore le prestazioni ottenute sui settori selettivi tra il lago di Cecita e Fago del Soldato di Mirko Bertoni e Alice Vanni, che su Suzuki Grand Vitara 2000 sono quinti assoluti e primeggiano nel Gruppo TH, precedendo Simone Santiccioli e Romolo Pensieri secondi su Mitsubishi Pajero 3.5 V6 Erremotors.

Classifica dopo 10 Settori Selettivi: 1. Codecà - Fedullo (Suzuki Gran Vitara 3.6 V6) in 3h31'14”5; 2. Fichera – Narzisi (Suzuki Gran Vitara 2.7 V6) a 5'09”69; 3. Petrucci - Manfredini (Suzuki Gran Vitara DDiS) a 5'41”19; 4. Mancusi - Musi (Suzuki Gran Vitara DDiS) a 9'36”66; 5. Bertoni – Vanni (Suzuki Gran Vitara 2.0) a 21'03”40.

Classifica gara Suzuki Challenge: 1. Petrucci - Manfredini in 3h36'55”34; 2. Mancusi - Musi a 3'55”47; 3. Emanuele - Emanuele a 26'40”75; 4. Accadia – Darchi a 32'59”60; 5. Facile - Facile F. a 2h13'41”85. Tutti su Suzuki Gran Vitara 1.9 DDiS

Classifica Suzuki Challenge dopo la terza gara: 1. Petrucci 80,5 punti; 2. Emanuele Mirko 43; 3. Mancusi 36; 4. Lolli 34; 5. Accadia 31; 6. Gelosa 28,5; 8. D’Alessio 27; 9. Facile 22; 10. Bertuzzi 12; 11. Bordonaro 8; 12. Camarda 6.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©