Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

E' stato impiantato al Bambin Gesù di Roma a fine marzo

Cuore artificiale a un bimbo di 16 mesi: sta bene

Si tratta di una pompa al titanio di soli 11 grammi

Cuore artificiale a un bimbo di 16 mesi: sta bene
21/05/2012, 17:05

ROMA - Sono passati quasi due mesi da un intervento chirurgico complesso e molto delicato, ma il bambino sta bene, ha risposto in maniera positiva al trapianto. Un piccolo grande record, il più piccolo cuore artificiale mai impiantato in un essere umano pesa appena 11 grammi e ora pulsa nel corpicino di un bimbo di 16 mesi. "L'intervento, durato circa 8 ore, era di estrema complessità, ma attualmente a quasi 2 mesi dall'intervento chirurgico, il bambino gode di ottima salute" ha affermato Antonio Amedeo, responsabile dell'unità di progetto assistenza meccanica del Bambin Gesù. Per eseguire l'intervento e utilizzare il dispositivo, una pompa al titanio di 11 grammi, è stato necessario l'ok della Food and drug Administration e del ministero della Salute. "Il bambino aveva un'infezione del cuore artificiale precedentemente impiantato - ha spiegato il dottor Amedeo -, che ha progredito attraverso le cannule fino al torace e al cuore. Un tipo di complicanza purtroppo infausta. E dunque a quel punto l'unica soluzione era di rimuovere il cuore infetto, con tutte le cannule, e di intervenire immediatamente utilizzando questo prototipo sperimentale del National Institutes of health".
"Il centro trapianti dell'ospedale di Roma è un centro di assoluta eccellenza europea che coniuga l'attività trapiantologica per tutti gli organi a un impegno etico, di servizio e di grandissima professionalità" ha dichiarato il direttore del Centro nazionale trapianti Alessandro Nanni Costa, durante una conferenza all'interno dell'ospedale pediatrico romano. Il Bambin Gesù ha la più alta percentuale nazionale di trapianti di rene vivente, pari al 40% contro il 10% a livello nazionale.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©