Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Sono quindici i nuovi siti patrimonio dell'Umanità

Da Amsterdam all'atollo di Bikini. Ecco le scelte dell'Unesco


Da Amsterdam all'atollo di Bikini. Ecco le scelte dell'Unesco
02/08/2010, 10:08

Sono quindici i nuovi siti selezionati dall'Unesco per il loro "valore universale eccezionale". I luoghi, che entrano a far parte del Patrimonio mondiale dell'Umanità, sono stati scelti in questi giorni dal comitato dell'agenzia Onu, riunitosi a Brasilia.
Nell'elenco risultano: il quartiere dei canali di Amsterdam che risale al XVI e XVII secolo, la città imperiale del Vietnam Thang Long - Hanoi, i monumenti storici di DengFeng (Cina), Albi, città medievale della Francia, le spiagge australiane e l'atollo di Bikini, dove sono stati fatti esperimenti nucleari americani. Ma nella lista ci sono anche il bazar storico di Tabriz e il santuario sufi di Ardabil in Iran. Luoghi che si aggiungono agli 890 già iscritti nella Convenzione dell'Unesco, ognuno per motivi diversi. 176 per la valenza naturale, 689 per la rilevanza culturale e 25 misti. Tra i luoghi scelti ci sono anche il sito di osservazione astronomico Jantar Mantar di Jaipur, in India, il complesso di Kanegah e il santuario sufi di Ardabil in Iran. Riguardo agli altopiani centrali dello Sri Lanka, l'Unesco ne mette in risalto la varietà straordinaria sia della flora che della fauna, senza dimenticare che vi sono numerose specie a rischio. Il Parco nazionale marino di Papahanaumokukakea delle Hawaii invece si distingue per il perfetto connubio tra esseri umani e mondo naturale. Naturalmente l'Unesco sottolinea che per questi incantevoli paradisi terrestri è necessaria un' attenzione particolare. Come per il Parco nazionale delle Everglades in Florida, negli Stati Uniti, le cui paludi sono caratterizzate da venti specie a rischio di estinzione e per le foreste tropicali del Madagascar le quali sono minacciate dal disboscamento illegale.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©