Cyber, scienza e gossip / Sesso

Commenta Stampa

Da gas solfatare nuova cura per l'impotenza


Da gas solfatare nuova cura per l'impotenza
02/03/2009, 14:03

Scienziati italiani hanno scoperto nel gas delle solfatare usate anche per le cure termali, quello che potrebbe essere un nuovo tipo di Viagra: l'idrogeno solforato stimola l'erezione nei topolini e il vasorilassamento in tessuto di pene umano in provetta. E' l'importante scoperta frutto di uno studio durato oltre due anni: gli esperimenti sono stati condotti da Roberta d'Emmanuele di Villa Bianca, e diretti da Giuseppe Cirino Preside della Facoltà di Farmacia dell'università Federico II di Napoli, Vincenzo Mirone della Clinica Urologica dell'ateneo partenopeo, e da Louis Ignarro, Professore di Farmacologia presso la University of California, Los Angeles e Nobel per la Medicina (1998) per aver scoperto l'importanza dell'ossido nitrico (NO) per il sistema cardiovascolare. Gli scienziati, si rende noto sulla rivista dell'Accademia Americana delle Scienze "PNAS", hanno scoperto nel tessuto cavernoso del pene la presenza dei due enzimi cistationina-sintasi (CBS) e cistationina-liasi (CSE) che trasormano il comune amminoacido L-Cisteina (L-Cys) in idrogeno solforato (H2S). Poi hanno scoperto che questo gas, somministrato localmente al tessuto umano provoca vasodilatazione (come nell'erezione) e l'erezione nei ratti. "La scoperta potrebbe portare allo sviluppo di un nuovo bersaglio terapeutico contro l'impotenza" - ha affermato Cirino.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©