Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Da oggi parte il regolamento che obbliga i produttori di olio ad indicare la provenienza delle olive


Da oggi parte il regolamento che obbliga i produttori di olio ad indicare la provenienza delle olive
01/07/2009, 12:07

Abbiamo a disposizione uno strumento prezioso per difendere i nostri produttori di olio e per tutelare il Made in Italy, risultato di una battaglia condotta con tenacia e convinzione. Da oggi, primo luglio tutti sapranno esattamente cosa stanno comprando. Il provvedimento è anche lo strumento di cui avevamo bisogno per combattere al meglio le contraffazioni e le truffe: nessuno potrà più spacciare impunemente per italiano l’olio proveniente da altri paesi. La nostra terra è generatrice da sempre di valori universali, che non dobbiamo dimenticare. Il mondo rurale delle nostre valli e dei nostri monti è intrinsecamente legato ai valori del Cristianesimo. L'olio è anche uno dei simboli più importanti nelle liturgie della nostra fede. Il primo luglio non solo entrerà in vigore la nuova legge sull'etichettatura dell'olio ma sarà l'occasione per riunire tutto il mondo dell'agricoltura intorno a un prodotto che ne è in qualche modo il simbolo. L'olio è uno dei prodotti più antichi del Mediterraneo e in qualche modo il primo prodotto tipico del nostro paese. Quella dell'etichettatura obbligatoria dell'olio è una grande vittoria per l'agroalimentare italiano, e campano, per i consumatori e per i produttori e merita di essere ricordata come una pietra miliare della politica agricola comunitaria. Questa nuova iniziativa, ha concluso Lopa, andrà a tutelare la produzione dei frantoi in provincia di Napoli e di tutta la Campania e nei prossimi giorni incontreremo, insieme al comparto olivicolo, il Sottosegretario Buonfiglio per conoscere tutte le modalità di applicazione del Regolamento Comunitario.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©