Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Dacia, una marca in crescita


Dacia, una marca in crescita
02/10/2010, 11:10

Nel Maghreb: il volume delle vendite di Dacia aumenta del 4,5% e raggiunge 26.310 unità (in cumulato), su un mercato in calo del 3,1%. La quota di mercato aumenta di un punto in Algeria, con il 10,4%, e di due punti in Marocco, con il 20,4%.

In Europa (regione Renault): incremento del 20,9%, con 161.317 unità vendute (1,7% di penetrazione).
A fine agosto 2010, i principali mercati di Dacia in Europa sono la Francia, con 76.255 unità, seguita dalla Germania, con 23.949 unità, dall’Italia con 15.509 unità e dalla Spagna + Canarie, con 14.285 unità.

Per accompagnare l’aumento delle vendite e l’ampliamento della gamma, la marca Dacia sviluppa showroom separati dai siti Renault (continuando sempre, tuttavia, ad appoggiarsi alla Rete Renault), con più venditori dedicati e maggiore spazio per i suoi modelli. In Francia esistono 220 siti Dacia: 52 Dacia box e 168 show-room separati.

L’enorme successo della marca Dacia rispecchia un’evoluzione dello stile di consumo. Mentre, in precedenza, i clienti esitavano ad acquistare un veicolo “low-cost”, oggi, secondo l’inchiesta Cételem del 2010, in media il 29% dei clienti che ha intenzione di acquistare un veicolo nuovo, nei principali mercati europei, prevede di spendere meno di 8.000 euro. Anche se l’importanza attribuita al rapporto qualità/prezzo è aumentata con la crisi economica, emerge un megatrend che spinge a consumare meno e meglio. Dacia ha saputo anticipare questa evoluzione, con la sua gamma di veicoli affidabili, dal rapporto prezzo/prestazioni imbattibile.

LA GAMMA SI ARRICCHISCE DI DUE NUOVE VERSIONI DACIA ECO²

• Dacia Duster 4x4 sarà disponibile con la motorizzazione Diesel dCi 90 nella maggior parte dei mercati europei, a partire da dicembre 2010. Con emissioni di CO2 di 139 g/km ed un consumo in ciclo misto di 5.3 l/100 km1, questa versione di Dacia Duster si distingue per un bilancio energetico ed ambientale ridotto.

• Dacia Logan e Dacia Sandero saranno disponibili con la motorizzazione 1.2 16v 75 GPL (in sostituzione della motorizzazione 1.4 MPI 75 GPL) nella maggior parte dei Paesi europei, a partire da fine 2010, vantando emissioni limitate a 122 g CO2/km.
Le versioni GPL di Dacia ottengono un grande successo: in Europa Occidentale, a fine agosto 2010, Sandero 1.4 MPI 75 GPL rappresenta più del 43% delle vendite della berlina compatta di Dacia.

VEICOLI DACIA CHE OTTENGONO LA FIRMA DACIA eco²

dCi 75 dCi 90 2 dCi 110 1.2 16v 1.2 16v 75 GPL 2 1.6 16v 105 E85 2
Euro5 Euro5 Euro5 Euro5 Euro5 Euro5
Duster 4x2 130 g
CO2/km 135 g CO2/km - - 160 g
CO2 /km 3
Duster 4x4 139 g
CO2/km - - - -
Sandero 108 g CO2/km 108 g CO2/km - 135 g CO2/km 122 g CO2/km1 153 g
CO2 /km 3
Stepway - 108 g CO2/km - - - -
Logan 108 g CO2/km 108 g CO2/km - 135 g CO2/km 122 g CO2/km1 -
Logan MCV 127 g CO2/km 127 g CO2/km - - - 159 g
CO2 /km 3
Logan Furgovan 133 g CO2/km 133 g CO2/km - - - -
Logan pick-up 133 g CO2/km 133 g CO2/km - - - -





DACIA DUSTER PILOTATO DA ALAIN PROST AL TROFEO ANDROS 2010-2011

Per il secondo anno consecutivo, Dacia partirà quest’inverno all’assalto delle piste ghiacciate del Trofeo Andros. Alain Prost, che si era classificato secondo nella stagione 2009-2010, sarà al volante di Dacia Duster, preparata dalle équipe di Renault Sport Technologies.
Le piste del Trofeo Andros mettono a dura prova l’affidabilità dei veicoli e Dacia potrà dimostrare, ancora una volta, che la robustezza e l’affidabilità dei suoi modelli sono parte integrante del suo DNA.
Il Trofeo Andros rappresenta una competizione atipica nello sport automobilistico, poiché limita le soluzioni tecnologiche complesse ed onerose, valorizzando l’efficacia dei veicoli e dei piloti. Dacia è una marca che ama ribaltare i codici tradizionali, proponendo una nuova modalità di consumo nel settore automobilistico: proporre l’essenziale al prezzo giusto.

ALAIN PROST: «Il successo commerciale di Dacia Duster dimostra che non sono il solo ad essere stato convinto da questo fuoristrada!»
Perché rinnova il suo impegno con Dacia per la stagione 2010-2011 del Trofeo Andros?
«La scorsa stagione ha dimostrato che gli esordi di Dacia nello sport automobilistico erano promettenti. Con una prima partecipazione ed un recentissimo modello da sviluppare, avevamo decisamente il ruolo di challenger rispetto ad avversari già rodati. Chiudere al secondo posto di un campionato così tecnico ha rappresentato quindi un buon inizio, perché fermarsi?
Ho anche molta simpatia per Dacia, una marca che è riuscita ad imporsi sul mercato automobilistico in pochissimo tempo. D’altronde, il successo commerciale di Dacia Duster dimostra che non sono il solo ad essere stato convinto da questo fuoristrada!»
Come vede la stagione 2010-2011 del Trofeo Andros per il Team Dacia?
«Beneficiamo chiaramente dell’esperienza fatta e di più tempo per prepararci, contrariamente all’anno scorso, in cui il progetto era stato avviato più tardivamente. Con le équipe di Renault Sport Technologies, abbiamo sviluppato ulteriormente il sistema delle quattro ruote sterzanti ed anche la calibratura del motore del Duster da competizione.»
Qual è la vostra ambizione per questa stagione?
«Duster è un modello affidabile e robusto, il Team Dacia funziona bene, capitalizziamo sulla stagione passata: ci sono tutti gli ingredienti per una performance ancora migliore di quella dello scorso anno!»
 
 
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©