Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

DEMOCRATICA INTERNET, SU FACEBOOK GRUPPI PRO-CUTOLO


DEMOCRATICA INTERNET, SU FACEBOOK GRUPPI PRO-CUTOLO
07/01/2009, 13:01

Dopo i gruppi pro Riina e quelli inneggianti a Provenzano, non potevano mancare su Facebook i sostenitori di Raffaele Cutolo. Il fondatore della Nco, al regime di carcere duro dall’82, non ha meno “fascino” dei mafiosi per i “navigatori”. Sul popolare social network sono già oltre mille le persone che si proclamano vicini al camorrista. Un Raffaele Cutolo che compare in una foto in bianco e nero. C’è un gruppo di 158 utenti – scrive Il Corriere del Mezzogiorno - che definiscono Cutolo 'o nummero uno 'e Napulé, insieme ad altri che chiedono la liberazione del “professore”. Il Cutolo viene definito "santo, martire, leggenda, mito, creatore del lavoro negli anni di piombo del sud Italia, ministro delle Infrastrutture, grande commerciante di import-export per l'America. E lo Stato lo ringrazia mandandolo in galera”. E se oltre 50 mila internauti compaiono, chiedendo la cancellazione delle pagine che inneggiano alle mafie, dalla California, quartier generale di Facebook, poco più che silenzio. Varie voci si sono levate in questi giorni. Voci di sdegno contro la strana politica del social network. Mamme che allattano no, mafiosi sì. Voci dei familiari dei giudici uccisi ai politici. Se non interviene Facebook lo farà la politica, si è sentito dire. Una “politica”, in questo caso nazionale ed internazionale, che continua a scoprire le potenzialità dannose della rete solo dopo singoli episodi.

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©