Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Il disturbo è legato alle nuove responsabilità

Depressione post-partum, ora colpisce anche i papà


Depressione post-partum, ora colpisce anche i papà
19/05/2010, 19:05

VIRGINIA – Anche i neo papà soffrono di depressione post partum. Le ansie e le preoccupazioni legate all’arrivo del nascituro, sono infatti condivise anche degli uomini. E’ quanto rivela un’indagine condotta da un gruppo di scienziati dell’ Eastern Virginia Medical School, che ha dimostrato che circa un padre su dieci manifesta i disturbi tipici di questa patologia.
Sulla donna, come si sa, ad influire maggiormente sullo stato depressivo sono gli sbalzi ormonali, che di solito compaiono 3 o 4 giorni dopo il parto. Negli uomini, invece, il motivo che scatena il disturbo è soprattutto la mancanza di sonno e l’idea di trovarsi a fronteggiare una situazione del tutto nuova. Senza contare, che gli uomini valutano anche motivi più “pratici”, come le spese extra dovute all’arrivo del piccolo e il cambiamento del rapporto con la partner.
Secondo gli studi, un uomo su quattro si sente giù al compimento dei 12 mesi del figlio. L'incidenza della depressione tra i neopapà è risultata pari al 10,4 %, circa il doppio dell'incidenza stimata negli uomini in generale (4,8 %). Circa l'8 % degli uomini invece, inizia a soffrire 12 settimane prima del parto e dopo la nascita.
L’analisi è stata effettuata analizzando i dati già ottenuti con 43 studi precedenti sul caso, che complessivamente hanno coinvolto circa 28mila persone. Il lavoro dei ricercatori ha permesso di scoprire che c’è una connessione tra il rischio di depressione materna e paterna, ovvero se uno dei due genitori è già depresso l’altro ha probabilità maggiori di incorrere nel disturbo noto anche come “baby blues”, ovvero malinconia post natale.
I ricercatori dunque, invitano i papà a prestare una maggiore attenzione e a non perdere la calma, dosando l'autocontrollo: la depressione paterna infatti, è grave e può avere conseguenze negative sulla prima fase dello sviluppo del bambino.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©