Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Meno imballaggi, più convenienza e rispetto dell'ambiente

Detersivi alla spina: da oggi anche a Caserta


Detersivi alla spina: da oggi anche a Caserta
02/03/2009, 08:03

 
Il problema dei rifiuti può essere affrontato attraverso azioni concrete che ne riducano la quantità alla fonte. Gli imballaggi sono una componente fondamentale della quantità totale di rifiuti che produciamo; per questo la proposta dei detersivi alla spina punta a ridurre i contenitori necessari, semplicemente permettendone il riutilizzo.
Sulla base di quanto già realizzato nel Nord e Centro Italia, il progetto di riduzione dei rifiuti da imballaggio sbarca anche a Caserta.
Ieri, sabato 28 febbraio, alle ore 18.00 è stato inaugurato un negozio di detersivi alla spina, il primo in città.
La presentazione dell’esercizio commerciale si è tenuta alla presenza   dell’ on. Nicola Caputo, del consigliere Acconcia e di altri esponenti del mondo politico, economico e dell’ecologia della provincia di Caserta,
L’iniziativa è stata particolarmente apprezzata per la sua valenza sociale ed ecologica, ciò perché, l’innovativo sistema di vendita permette l’abbattimento dei costi di distribuzione e di imballaggio (plastica e cartone), consentendo di ottenere un risparmio di oltre il 40% rispetto agli stessi prodotti maggiormente pubblicizzati inoltre il sistema detersivi alla spina consente di migliorare sensibilmente il bilancio delle famiglie.
Il negozio casertano è contraddistinto dal logo “Eco Bolle” è ubicato in via Ferrarecce 26, in una zona densamente popolata ed è destinato a servire un bacino di utenza di oltre 10.000 cittadini.
I detersivi sono di alta qualità e la formulazione concentrata ne esalta l'efficacia riducendone la quantità e le energie necessarie alle diverse funzioni detergenti. sarà' ottimale dunque il rapporto qualità - prezzo.
“Detersivi alla spina” è la soluzione per produrre meno plastica, e risparmiare. La nuova frontiera per arginare il problema dello smaltimento dei rifiuti: produrne il meno possibile .

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©