Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

DIETA: ORA C'E ANCHE CHI PERQUISISCE IL TUO FRIGO


DIETA: ORA C'E ANCHE CHI PERQUISISCE IL TUO FRIGO
20/06/2008, 13:06

Curare l'alimentazione per perdere qualche chiletto di troppo con una dieta bilanciata è alla portata di tutti. Di diete ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti. Ma se durante i primi giorni si scivola con leggerezza sull'onda dell'entusiasmo, ben presto il momento del pasto si trasforma in tortura. Poi arriva il primo strappo alla regola, seguito purtroppo da molti altri. E alla fine della quarta settimana, se tutta va bene, ci si ritrova al punto di prima, con un forte senso di frustrazione per il peso recuperato. Perché è la solitudine il principale nemico delle cure dimagranti. Negli Stati Uniti il fenomeno è arcinoto e quindi si ricorre a un coach personale che ti visita sul luogo del delitto: la cucina.

Come funziona la cosa? Durante il primo incontro il coach dietologo redige un'anmnesi ponderale in base alla nostra storia personale e poi ci chiede naturalmentee di annotare tutto ciò che mangiamo senza tralasciare niente, nemmeno i popccorn davanti alla nostra serie preferita in tv. Il tutto per farsi un'idea esatta di ciò che consumiamo realmente. Anche perché le confusioni sono all'ordine del giorno: dietro a ciò che noi chiamiamo ingenuamente - o con ipocrisia - tazza di riso si potrebbe nascondere tanto una piccola tazza cinese oppure un'insalatiera. I programmi dietetici devono tenere conto dei ritmi di vita delle pazienti, come il tempo dedicato al pasto, ma anche all'habitat in cui si "consuma" il fattaccio. Paradossalmente non si contano le calorie ingerite ma piuttosto le misure che generalmente si utilizzano in quella casa specifica: cucchiaio, tazza, bicchiere e via mangiando.

Al coach non sfugge niente e le sue domande sono sempre ciscostanziate: non ci chiede solo la lista della spesa che facciamo ma anche le ricette delle pietanze che cuciniamo. In questo modo niente è lasciato al caso. Una volta stabilito il piano di azione lo si segue alla lettera. Anche in questa fase il coach non ci fa sentire soli e abbandonati: ci viene a trovare a casa ogni settimana per discutere con noi i progressi compiuti e gli aggiustamenti da apportare, nel caso di difficoltà. Non si limita a stilare una lista di ciò che consumiamo in base ai nostri racconti spesso troppo annacquati. Se lo vogliamo il coach apre le dispense e l'altare della nostra alimentazione: il frigo. In questo modo si può procedere a fare un inventario completo della nostra cambusa. Meglio tenere il cibo sotto controllo, non si sa mai: la carne è debole.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©