Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Diete per l’addome, il grande bluff denunciato dal Dott. Camillo D’Antonio


Diete per l’addome, il grande bluff denunciato dal Dott. Camillo D’Antonio
13/03/2014, 14:23

La questione denunciata dal Dott. Camillo D’Antonio e che sta vivendo la chirurgia plastica e ricostruttiva è una vera e propria rivoluzione, almeno stando dagli ultimi dati diffusi dai più grandi studi italiani. Il pubblico sta cambiando, e non solo per censo e provenienza. Si fa sempre più importante la presenza degli uomini, quelli che un tempo al massimo andavano dal barbiere, e che oggi invece affollano le sale d’aspetto dei migliori professionisti italiani.

 

Ne parliamo, come già anticipato in precedenza, con il Dott. Camillo D’Antonio, specialista in chirurgia estetica e ricostruttiva, che ci racconterà come è cambiata la sua professione e come sono cambiati i pazienti che richiedono un intervento.

 

Dott. D’Antonio, si può dire che siamo davanti ad una vera e propria rivoluzione nel mondo della chirurgia estetica?

 

Rivoluzione forse no, perché è un processo che ormai è iniziato qualche anno fa e che è in crescita costante. Non si tratta di qualcosa che è nato e maturato in pochi mesi. Gli uomini hanno cominciato ad interessarsi alle possibilità offerte dalla chirurgia, e hanno deciso di scommettere forte, nel senso che sembrano essere disposti, tanto quanto le donne, a sottoporsi ad interventi per migliorare il loro aspetto fisico o ripristinare funzionalità che si sono, purtroppo, perse con il tempo.

 

Quindi anche gli uomini sono diventati vanitosi? In cosa sono diversi dai pazienti di sesso femminile?

 

Non si tratta di vanità, perché non è solo di mero miglioramento dell’aspetto fisico che possiamo parlare. Si tratta invece di qualcosa di più profondo, che ha a che fare con l’equilibrio psico-fisico dell’individuo, equilibro che può essere recuperato spesso soltanto grazie al bisturi.

 

Come ho già denunciato in passato, rispetto ai pazienti di sesso femminile le differenze sono minime a livello di quadro generale, mentre sono consistenti a livello di interventi richiesti.

 

Che tipo di interventi vengono richiesti dagli uomini?

 

Le problematiche estetiche e funzionali maschili sono ovviamente diverse, e di conseguenza sono diversi gli interventi richiesti dagli uomini. Un sempreverde è la rimozione di grasso addominale, per la quale interveniamo chirurgicamente a ripristinare una situazione non solo idonea sotto il profilo estetico, ma anche idonea sotto il profilo della salute.

 

Una sorta di scorciatoia per saltare le diete, Dott. Camillo D’Antonio?

 

Come ho denunciato ai microfoni di Uno Mattina in Rai, e come ho desiderio di ripetere, certo di non essere smentito, determinate situazioni non possono essere affrontate e risolte senza il ricorso alla chirurgia estetica. Il grasso addominale ne è l’esempio più lampante. Sarebbe sciocco prospettare al paziente la rimozione del grasso che si accumulato su fianchi e pancia semplicemente con dieta e palestra.

 

Non interveniamo per assecondare la pigrizia del paziente, ma per fornirgli quella che ad oggi è l’unica soluzione disponibile. Per quanto si possa sudare su tappetini e panche, una certa percentuale di grasso addominale non può essere rimossa, se non con l’intervento del chirurgo estetico.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©