Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Dissetarsi pensando alla salute


Dissetarsi pensando alla salute
29/06/2010, 15:06

Prendersi cura del proprio corpo con una bevanda che sia rinfrescante e allo stesso tempo un vero toccasana? La risposta è nel Kefyr, una bevanda rinfrescante tipica delle regioni caucasiche che si ottiene dalla fermentazione del latte con i granuli di Kefyr.
Il Kefyr è conosciuto e apprezzato in molte regioni asiatiche, europee e africane per la sua freschezza e allo stesso tempo per le sue proprietà benefiche, non a caso il termine kefyr viene dal turco keyif, benessere.

Ottenuto dalla fermentazione di vari tipi di latte a seconda della zona di provenienza, il Kefyr nasce dalla fermentazione operata dai granuli di Kefyr (detti Kefyran), costituiti da una grande varietà di microrganismi quali lattococchi, lattobacilli, leuconostoc, enterococchi, acetobatteri e lieviti.
I granuli di Kefyr si formano spontaneamente sulla superficie interna di sacchi di pelle, di capra o di pecora, come quelli utilizzati un tempo dai pastori per conservare il latte appena munto. Non è stato ancora possibile ottenere tali granuli in laboratorio.
Con la sua consistenza cremosa o liquida, il Kefyr ha un sapore acidulo e può essere più o meno frizzante, questo per la presenza di lieviti, che generano anidride carbonica e piccolissime quantità di alcool.

Il Kefyr è considerato un alimento funzionale che produce benefici all’organismo, come l'attività probiotica, quella antitumorale e immunostimolante, oltre all’effetto anti-salmonella. La bevanda caucasica ha, inoltre, effetti benefici sull'attività gastrointestinale, sull’apparato circolatorio e sul sistema nervoso, mentre la presenza di anidride carbonica e sali di calcio facilita la diuresi. L’acidità e la caratteristica microflora stimolano la salivazione, la secrezione di enzimi nello stomaco e migliorano la peristalsi intestinale.

Una curiosità: a Napoli il Kefyr è prodotto e venduto dalla storica gelateria Remy Gelo.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©