Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Ebbe il cranio perforato, dopo di che cambiò carattere

Dopo 164 anni (forse) svelato il mistero di Phineas Gage


Dopo 164 anni (forse) svelato il mistero di Phineas Gage
19/05/2012, 16:05

CALIFORNIA (USA) - C'è un mistero che dura da 164 anni, e che ha sempre avuto qualcosa di inspiegabile. Riguarda quello che avvenne a Phineas Gage, supervisore ferroviario, il 13 settembre del 1848. Stava pressando, mediante un punteruolo, in una roccia della polvere da sparo, per fare una mina. Ad un certo punto scatta una scintilla e la polvere esplode; il punteruolo viene letteralmente sparato verso l'alto, penetrando nella guancia, perfonando il cervello e fuoriuscendo dalla parte superiore del cranio. Una ferita apparentemente mortale, che invece sul momento non creò alcun problema a Gage, che resta lucido, nonostante la ferita. Quando il punteruolo viene trovato, aveva ancora tracce di sangue e di materia cerebrale. L'unica cosa che cambia è il carattere della persona: da persona affabile e gentile diventa un orso intrattabile, nervoso e collerico.
Un team di ricercatori dell'Università della California (UCLA) hanno cercato di verificare - ultimi di una lunga serie - cosa possa avere colpito l'asta per creare danni tanto minimi. Esami diretti non erano possibili (dopo oltre 150 anni, il cranio dell'uomo,per quanto conservato, è fragilissimo) e quindi sono partiti da una serie di tomografie eseguite nel 2001, ma esaminandole al computer per aumentarne la risoluzione al massimo e ricreare un modellino del teschio, esattamente uguale all'originale. Poi è stata ricreata la zona, attraversata dal punteruolo, per verificare quali danni concreti ha creato all'epoca l'asta, spessa 3 centimetri. Ed è risultato che ci fu un danno, alquanto esteso, alla cosiddetta "materia bianca", cioè la parte più interna del cervello; circa il 10% di essa venne asportato o danneggiato, mentre la stessa sorte riguardò solo il 4% della corteccia cerebrale . Ed è da questo danno alla materia bianca che fu dovuto il cambiamento di carattere. E' la stessa cosa che accade a persone ammalate di Alzheimer, che attacca proprio la guaina mielinica presente nella materia bianca. Anche loro cambiano carattere, ma - finchè il danno è contenuto - possono agire normalmente. Come fece anche Gage che, dopo l'incidente, si trasferì a San Francisco e divenne autista di diligenze, vivendo altri 12 anni in tutta tranquillità.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©