Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

E' un veicolo senza equipaggio, partito il 5 marzo 2011

Dopo un anno e mezzo nello spazio, torna lo Shuttle X-37B


Dopo un anno e mezzo nello spazio, torna lo Shuttle X-37B
19/06/2012, 19:06

VANDERBERG (CALIFORNIA, USA) - Dopo 469 giorni (circa 15 mesi) è ritornato sulla Terra lo Shuttle X-37B, una versione più compatta e completamente automatica (cioè senza personale umano a bordo) degli Shuttle che per 30 anni hanno portato persone e materiali in orbita. Cosa abbia fatto in questo anno ed oltre in orbita è un mistero. Infatti l'X-37B è un progetto sviluppato dall'US Air Force, non dalla Nasa. E quindi ogni dettaglio è mantenuto segreto,come sempre accade con i militari.
Il che lascia ampio spazio per le voci e i sospetti. Per esempio che lo Shuttle sia stato usato per spiare la stazione orbitante cinese Tiangong-1; cosa difficile, dato che i piani orbitali erano diversi, ma non impossibile. La lunga permanenza in orbita è dovuta al fatto che il velivolo usa un pannello solare di nuova concezione, con una resa molto superiore a quelli normalmente utilizzati. Cosa che gli consente di restare in orbita per tempi lunghissimi, dosando accuratamente l'energia elettrica.
Invece lo Shuttle finora utilizzato dalla Nasa usa delle pile a combustibile, dove l'elettricità è creata unendo ossigeno ed idrogeno (ed ottenendo l'acqua come prodotto di scarto, cosa che non guasta). Ma i serbatoi dei due gas possono contenere il necessario al massimo per 18 giorni, cosa che limita enormemente la possibilità di permanenza in orbita e che ha spinto alla costruzione di una stazione spaziale.
Non è escluso che si possa crare una versione più grande dello X-37B, in modo che possa avere equipaggio a bordo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©