Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Per chi russa o soffre i rischi aumentano del 46%

Dormire bene allunga la vita


Dormire bene allunga la vita
27/08/2009, 17:08

Dormire bene allunga la vita, mentre chi russa o soffre di apnee notturne è più a rischio. È quanto emerge da uno studio americano condotto dalla Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora e da altri 6 centri medici negli Stati Uniti che prova per la prima volta l'esistenza di una relazione tra qualità del sonno e salute.
Dallo studio Sleep Heart Health Study, iniziato otto anni fa, è emerso che l'apnea notturna, quel fenomeno durante il quale si smette di respirare durante il sonno, aumenta le possibilità di morte del 46% rispetto a chi dorme sonni tranquilli. Non solo: i rischi crescono del 17% anche per chi soffre di disturbi comuni del sonno, con 15-30 episodi di respiro interrotto durante un'ora di sonno. I russatori rischiano diverse patologie, ma le principali sono le malattie cardiovascolari.
«Russare può causare numerosi problemi, primo tra tutti all'interno della coppia - dice Alberto Bergamin, amministratore delegato di Tempur Italia, specialisti del dormire bene -. In alcuni casi è spia di problemi più seri, come le apnee notturne e, come evidenzia questo studio, può portare anche a gravi conseguenze. Risolvere il problema non è facile, ma migliorare la qualità del supporto su cui si dorme può migliorare considerevolmente la situazione. Grazie a uno dei materiali più tecnologici in commercio, l'unico certificato dalla Nasa, Tempur è in grado di migliorare il riposo delle persone, con materassi e guanciali dotati di uno speciale sistema allevia pressione». Non solo: un'indagine ha dimostrato che con il guanciale Original di Tempur russare può diventare un ricordo. «Secondo quanto emerso dallo studio, condotto dalla società americana Preston-Osborne Marketing Communications and Research, tra una cinquantina di coppie in cui uno dei due partner avevi seri problemi nel russare, utilizzando il cuscino Original di Tempur si ottengono miglioramenti significativi. La percentuale di chi segnala il rumore emesso dal partner come "estremamente disturbante" è precipitata dall'85 al 10%. Non solo: chi dichiarava di svegliarsi almeno quattro volte a notte è passato dal 98 al 31%, mentre ha continuato a perdere un'ora di sonno solo il 25% delle coppie, contro il 92% di quando non usavano il guanciale Tempur» spiega Bergamin.
Lo studio Sleep Heart Health Study. I ricercatori statunitensi hanno preso come campione oltre 6mila uomini e donne di età compresa tra i 40 e i 70 anni per 8 anni: di questi, una parte soffriva di forme gravi di apnee notturne, altri non avevano alcun disturbo. Qualcuno si descriveva come russatore, uno dei sintomi dell'apnea notturna. I ricercatori del Johns Hopkins Bayview Medical Center hanno monitorato le abitudini del sonno dei partecipanti nella loro casa per almeno una notte intera di sonno, in media di sette ore. Sono poi stati coinvolti oltre 50 tecnici per raccogliere dati dettagliati di ognuno, come respiro, ritmo del cuore e attività del cervello. I soggetti sono poi stati sottoposti a visite annuali per verificarne lo stato di salute con la pressione del sangue, problemi di cuore o infarti.
I dati. In Italia russano il 60 per cento degli uomini di età compresa tra i 40 e i 60 anni e fino al 40 per cento delle donne. Gli over 60, uomini e donne, russano in percentuale uguale. La maggior parte di chi russa (l'81%) non lo fa sempre, ma solamente in situazioni particolari o in alcuni periodi dell'anno: quando si è particolarmente stanchi (48%), in inverno a causa di influenze/malattie da raffreddamento (25%), quando si è ecceduto nel mangiare o nel bere (18%), in primavera a causa di problemi allergici (11%).
Sviluppato negli anni Settanta all'Ames Research Center della Nasa, in California, per migliorare il comfort e la protezione dall'accelerazione di gravità sui sedili dei veicoli spaziali e perfezionato nel 1991 da Tempur® World in Danimarca per usi privati, il materiale Tempur® rappresenta una rivoluzione del comfort, unendo morbidezza e durata senza confronti. I materassi al primo contatto possono sembrare piuttosto rigidi, ma si ammorbidiscono e si adattano alla forma del corpo grazie alla temperatura e al peso corporei. Le proprietà del materiale termosensibile offrono a chi dorme su questi materassi un alleggerimento ideale della pressione, dando sollievo a chi soffre di problemi a collo e schiena.

Commenta Stampa
di Agostino Falco
Riproduzione riservata ©