Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

E' ALLARME SUPERBATTERIO


E' ALLARME SUPERBATTERIO
19/09/2008, 14:09

Quando nel 1929 Alexander Fleming scoprì la pennicillina, diede all'umanità un'arma estremamente efficace contro le infezioni ed altre malattie. Ma oggi abbiamo imboccato una brutta china, che ci porterà a non avere più in mano questa potente arma. Infatti aumentano notevolmente i casi di persone che si ammalano per infezioni che non sono curabili con i normali antibiotici. L'esempio più lampante è la MRSA (staffilocacco aureo resistente alla neticillina), che abbonda negli ospedali - per quanto strano possa sembrare - ed è difficile da sconfiggere. Già 10 anni fa, un gruppo di ricercatori fece presente il pericolo, consigliando un uso più responsabile degli antibiotici,ma le loro parole sono rimaste lettera morta. Quanti di noi prendono un inutile antibiotico anche per il raffreddore, per esempio? Bene, ogni volta che ciascun individuo usa l'antibiotico, aumenta la resistenza dei batteri all'antibiorico stesso. Inoltre c'è anche da dire che le case farmaceutiche sono interessate poco e niente verso la creazione di nuovi antibiotici; preferiscono andare nei settori più remunerativi: chemioterapie, AIS e così via. Il risultato è che rischiamo di porre le basi per la creazione di nuovi batteri impossibili da eliminare.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©