Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Un vergognoso blog messo in rete da pericolosi “deviati ment

E' “Caccia allo sbirro” su internet


E' “Caccia allo sbirro” su internet
31/03/2009, 10:03

“Vergognosa la campagna denigratoria messa in atto via internet, contro gli Operatori della Polizia di Stato.” - E’ questa la posizione di Franco Maccari, Segretario Generale del COISP - il Sindacato Indipendente di Polizia, sulla vicenda che in questi giorni sta riempiendo le pagine dei quotidiani e che ha come oggetto un blog (denominato “Caccia allo sbirro”) nel quale sono state riversate le generalità di poliziotti, per lo più in servizio presso le Digos delle Questure italiane. “Rimaniamo esterrefatti dal fatto che non si sia provveduto nell’immediatezza delle circostanze a oscurare un sito che altro non è se non un focolaio di delinquenza, di provocazione e di eversione politica – dice ancora Maccari – non si pensi che questo sia un linguaggio di antico retaggio. Laddove qualcuno mette tanto in discussione i poteri dello Stato, è necessario intervenire tempestivamente, per riconoscere i responsabili e punirli. Non si può archiviare tutto come una bravata, questa è un’azione pericolosissima che potrebbe avere conseguenze devastanti per il buon funzionamento e per la tenuta del sistema sicurezza nel nostro Paese”.
“Non è un senso giustizialista che anima il nostro pensiero e le nostre richieste              - conclude Maccari - ma auspichiamo un immediato intervento non solo per l’oscurazione del sito, ma anche per l’individuazione dei gerenti che andranno puniti con le adeguate pene”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©