Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

E non è l'unico gruppo che inneggia al fascismo

E' tornato il Partito Nazional Fascista (su Facebook)


E' tornato il Partito Nazional Fascista (su Facebook)
12/04/2010, 14:04

Quando ci furono i gruppi su Facebook che inneggiavano a Massimo Tartaglia, il mondo politico andò in fibrillazione, gridando alla censura del social network ed altre cretinate del genere. Oggi invece parliamo di una pagina fan che è ancora più pericoloso, dato che ha il nome di un partito: Partito Nazional Fascista (nella foto il loro simbolo). E non è neanche un gruppetto piccolo, dato che ha oltre 1200 fan. Ma nessun politico si scandalizza. Chissà perchè. Eppure da bravi fascisti i loro interventi sono un misto tra la scuola di bon ton di Parigi e l'educazione di college inglesi come Oxford e Cambridge. E quindi si leggono frasi come "Il 25 aprile giorno ideale per diventare toro umbe..giù nelle piazze CALCI E PUGNI col tricolore in mano!", oppure, sempre sul 25 aprile, "La festa dei traditori d'ITALIA si avvicina..che farete voi?spero andiate tutti a fare una preghiera al Nostro DUCE a Predappio,buon fine settimana a tutti razza pura". E cose del genere. Naturalmente si sprecano i "viva il duce", "viva Mussolini", "a noi" e via elencando.
Ma non è l'unico caso, di gruppi, pagine fan o individui che fanno apertamente apologia del fascismo o del nazismo. Eppure nessuno di questi viene fermato, se non quando gli altri utenti di Facebook cominciano ad inviare segnalazioni per farlo chiudere. Ma in questi casi non dovrebbe intervenire la Polizia? E' stata cancellata la legge Scelba, che punisce l'apologia di fascismo, senza dire niente a nessuno?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©