Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

La smentita da uno studio approfondito dello IARC

E' ufficiale: i telefoni cellulari non procurano il cancro


E' ufficiale: i telefoni cellulari non procurano il cancro
17/05/2010, 20:05

La notizia di una possibile correlazione tra l'utilizzo massiccio dei telefoni cellulari e l'insorgenza di tumori al cervello è cominciata a circolare nella prima metà degli anni 90 e, dunque, già pochissimo tempo dopo la comparsa dei primi cellulari. Poi uno studio svedese che sembrava confermare in parte tali sospette correlazioni maligne.
Del resto, il pericolo cancerogeno paventato, non derivava dalla fantasia di qualche ipocondriaco ma da esperimenti che, negli anni sessanta e settanta del secolo scorso, avevano dimostrato quanto potesse essere letale l'esposizione prolungata (specialmente dei più giovani) alle onde elettromagnetiche di antenne e ripetitori radio. A confutare tutte le fobie da cancro, però, c'ha pensato una poderoso e dettagliato studio proposto dalla Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) e pubblicato dalla gruppo scientifico della Interphone. I risultati della ricerca epidemiologica, riscontrabili anche sull'International Journal of Epidemology, sembrano infatti presentare un mesaggio interessante.
Portato avanti tra il 2000 ed il 2004, lo studio, ha coinvolto 13 paesi (tra cui il nostro) intervistando oltre 10.700 soggetti di età compresa tra i 30 e i 59 anni e suddivisi in quattro "casi" specifici. In particolare, difatti, sono stati ascoltati  2.708 casi di glioma, 2.409 di meningioma e 5.634 non affetti da alcun tumore cerebrale. Le domande poste sono state molto precise e riferite al tempo di utilizzo giornaliero, al "primo contatto" con l'apparecchio mobile, alla durate delle telefonate ecc...come si legge anche su Barimia.it, gli esperti della Interphone, al termine dell'indagine, non hanno "evidenziato nessun aumento del rischio di gliomi o meningiomi cerebrali tra gli utilizzatori di telefoni cellulari. Non e' stata osservata alcuna relazione tra durata dell'uso del cellulare e rischio di glioma e di meningioma, tantomeno è stato evidenziato alcun incremento di rischio tra gli utilizzatori a lungo termine".
In poche parole, quindi, non c'è pericolo di contrarre il cancro al cervello per chi utilizza assiduamente gli apparecchi mobili visto che, l'effetto che hanno sull'uomo le onde generate dalle antenne dei telefonini, è molto diverso da quello riscontrato per attrezzature come tralicci, ripetitori ecc..insomma: niente avviso con pericolo di morte come per le sigarette anche se, riflettendoci, spesso i telefoni portatli causano una dipendenza pari o addirittura superiore a quella del tabacco. Non ci credete? Provate ad immaginare un mondo senza il vostro fidato cellulare. Ci riuscite? Se si allora siete immune...se no, purtroppo, siete già vittime della nuova schiavitù tecnologica moderna.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©