Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Scoperto un modello cognitivo incosciente e molto evoluto

Ecco come i neonati apprendono durante il sonno


Ecco come i neonati apprendono durante il sonno
19/05/2010, 19:05

Che il cervello rimanesse in parte attivo anche durante il sonno lo si sapeva ma che, già in un bimbo di appena due giorni, le attività cerebrali durante il riposino fossero incredibilmente elevate è scoperta assolutamente recente. A portare avanti un esperimento su 26 bimbi nati da non più di 48 ore è stato un gruppo di ricercatori dell'Università della Florida.
I risultati ed i dati dell'esperimento si possono leggere anche sul sito del Telegraph. L'esperimento, molto semplice, ha visto gli studiosi sottoporre ai bimbi addormentati una melodia e, al contempo, soffiare delicatamente sulle loro piccole palpebre. Trascorsi 20 minuti, ai neonati sono state fatte riascoltare le stesse note ma senza il lieve soffio d'aria precedente. Risultato? Ben 24 bimbi su 26 hanno strizzato gli occhi dimostrando di aver appreso l'accostamento musica=soffio anche durante il sonno. Come già precisato, che la pennichella fosse un'occasione per il cervello di mettere in ordine certe informazioni non era un mistero da tempo, ma, di sicuro, nessuno poteva immaginare una simile attività cognitiva inconscia persino nei bimbi nati da meno di 3 giorni.
La nuova scoperta dimostra infatti che, il cervello umano, è ancora più evoluto di quanto si pensasse e che, i piccolissimi, sono in grado di apprendere in maniera più rapida ed efficace degli adulti fin dalle prime ore di vita fuori dal pancione materno. I risvolti pratici dello studio (pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences)  sono importantissimi e potrebbero permettere, difatti, l'individuazione di disturbi nell'apprendimento come l'autismo e la dislessia.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©