Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Educazione alimentare e sport: quali regole?

Scuole, associazioni sportive e Comune insieme per la salute

Educazione alimentare e sport: quali regole?
01/02/2011, 14:02

NAPOLI - “Certamente il calcio è uno degli sport che permette sempre il movimento e vari e continui spostamenti di tutti i calciatori, per cui, accompagnato ad una sana alimentazione, è tra quelli più adatto ai ragazzi, che tra l’altro lo preferiscono. Ma – afferma l’avv. Salvatore Colonna, presidente C.R. Campania, Lega Nazionale Dilettanti - FGC - la Federazione va al di là del campo, dialoga con le famiglie, con i ragazzi e con le agenzie, scuola e Stato, per gestire al meglio la crescita sana a tutti i livelli dei ragazzi. Bisogna, in tema di obesità, far qualcosa per questi soggetti e un’idea da realizzare potrebbe essere una convenzione con la F.G.C. per dare continuità a questo interessante convegno”. Questo ha auspicato alla chiusura del suo intervento al convegno dal titolo “Educazione alimentare e Sport: quali regole?” tenutosi questa mattina presso il Cine-Teatro Metropolitan, in presenza di una folta rappresentanza dei ragazzi di tutte le scuole del territorio, docenti, genitori, consiglieri comunali e degli altri relatori: dott. Vincenzo Pastore, segretario C.R. Campania LND–FGC; dott. Giuseppe Barbati, resp. Staff medico C.R. Campania; dott. Giuseppe Maione, dietologo; Enrico Mele, istruttore giovani calciatori; Lello Abete, Presidente del Consiglio Comunale; Rossella Ciccarelli, presidente consulta sport e il sindaco Carmine Esposito. “Scuola, istituzioni sportive, medici, genitori e amministrazione sono fondamentali per una società che tuteli la salute complessiva, l’educazione e la crescita dei ragazzi. Facciamo una “rete” tra questi soggetti e sono convinto che riusciamo a incidere bene e meglio. Come amministrazione – dice il sindaco, Carmine Esposito – abbiamo questa sensibilità e responsabilità, perché il futuro è in mano dei ragazzi.
Quello che oggi hanno appreso e quello che apprenderanno, se tutti “gli educatori” e la scuola facciamo bene la nostra parte, sarà costruttivo per formazione dei ragazzi, che sono il futuro e la speranza del domani”.
I ragazzi hanno ascoltato tutti gli interventi con vivo interesse ed applaudito spontaneamente, nonostante sotto accusa siano finiti prodotti che consumano spesso, come merendine ed altre leccornie, indicate come concausa, insieme ad una alimentazione non controllata, di obesità.
“La consapevolezza dei danni alla salute causati da cattive abitudini alimentari nell’infanzia deve iniziare dalla famiglia per evitare di incorrere in errori nutrizionali qualitativi e quantitativi. Un ruolo importante preventivo e terapeutico è proprio riconosciuto all’attività fisica, a tutte le età: respirare aria fresca, alimentarsi adeguatamente, dormire a sufficienza, regolare la funzione intestinale e dominare l’emotività dell’animo. E’, infatti, importante valutare le conseguenze psicologiche di una nutrizione errata, perché il disturbo conseguente si può trascinare negli anni. L’obiettivo reale – precisa il dietologo e chirurgo estetico Giuseppe Maione - è il raggiungimento di uno stato di benessere fisico, mentale e spirituale, la ricerca dello “star bene”, inteso come condizione ottimale che permette all’individuo di esprimere al meglio le sue potenzialità fisiche e psicologiche”. “E’ andata benissimo perché ho trovato – è il parere di Rossella Ciccarelli, consigliera comunale e Presidente della consulta dello Sport – collaborazione da parte di tutti e ringrazio il sindaco, il presidente del consiglio comunale, i docenti, le Dirigenti Scolastiche, la scuola paritaria delle suore domenicane di via Sodani, che hanno dimostrato grande sensibilità. Come neo-presidente della Consulta dello Sport ho ritenuto iniziare a stabilire un primo dialogo con i ragazzi, con un tema così attuale e importante come l’obesità. Mi ha sorpreso e gratificata la presenza dei cittadini, che da un bel po’ non partecipavano alle iniziative dell’Ente. Spero sia il segno di un cambiamento che sta maturando sempre di più”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©