Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Flop il suo debutto nella sit The italian: "Non sa recitare"

Elisabetta Canalis non conquista l'America


Elisabetta Canalis non conquista l'America
22/06/2010, 19:06

Molta attesa, poco appeal. Non tutti evidentemente la pensano come George, al di là dell'Oceano. E le critiche piovo a dirotto alla showgirl "prestata" al piccolo schermo Usa. Elisabetta Canalis ha infatti finalmente debuttato nella serie tv americana Leverage. Con lei però blog e fan del serial non sono stati teneri. Anzi.  Dopo la prima apparizione nei panni dell'agente segreto con il nome in codice "The italian", la bella Elisabetta non è riuscita a sostituire l'etichetta di fidanzata George Clooney con quella di brava attrice. Tranne qualche eccezione (come SugarPop che titola ironicamente: "Sorpresa, Elisabetta Canalis non è la miglior attrice...") i blog a stelle e strisce non si sbilanciano più di tanto ma lasciano aperto il rubinetto dei commenti dei fan. Poco generosi sia per la recitazione che per lo scarso curriculum della showgirl nostrana. "Non sa recitare", "è stata terribile", "è nel cast solo perchè è la ragazza di George Clooney" incalzano i lettori di Just Jared. Ma non mancano anche attestati di stima con l'aspettativa che nel corso della serie Elisabetta cresca insieme al suo personaggio. "Non vedo l'ora di rivederla" scrive The Truth (la verità), mentre in molti sottolineano l'avvenenza della sarda.
IL SERIAL - La serie è trasmessa dall'emittente americana TNT e nel cast spicca, tra gli altri, il nome di Timothy Hutton, attore noto anche al pubblico cinematografico per film come L'uomo nell'ombra di Roman Polanski, The Good Shepherd di Robert De Niro e Secret Window di David Koepp. La Canalis in Italia aveva già recitato in "Carabinieri" e "Love Bugs 2", ma non è la prima esperienza con lo show business americano. Per lei comparsate in due pellicole destinate al grande schermo: Deuce Bigalow - Puttano in saldo di Mike Bigelow, e Decameron Pie di David Leland.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©